Differenze tra le versioni di "Giornalista"

302 byte aggiunti ,  4 anni fa
+2
(+2)
*Tra i macellai si può certamente trovare della brava gente, ma una certa rudezza è inseparabile dal loro mestiere, fa parte della loro professione. Accade di peggio con l'essere giornalista: un certo grado di disonestà è inseparabile perfino dal più onesto giornalista. ([[Søren Kierkegaard]])
*Tutti i giornalisti sono, per via del mestiere che fanno, degli allarmisti: è il loro modo di rendersi interessanti. Essi somigliano in ciò a dei botoli che, appena sentono un rumore, si mettono ad abbaiare forte. Bisogna perciò badare ai loro squilli d'allarme solo quel tanto che non guasti la digestione. ([[Arthur Schopenhauer]])
*Tutto ciò che appare sui giornali non è che un sintomo. Quando un sintomo è isolato, anche l'impressione che suscita può essere passeggera e facilmente dimenticabile. È quando i sintomi appaiono ripetutamente o periodicamente che essi lasciano un sedimento in noi stessi. ([[Shôhei Ôoka]])
stessi. ([[Shôhei Ôoka]])
*Un giornalista deve essere prima di tutto un cronista, assolutamente un cronista. ([[Ettore Mo]])
*Un giornalista ''free lance'' assomiglia a un cane sciolto. ([[Enzo Di Frenna]])
*Un giornalista in buone condizioni di salute fisica e mentale non trova mai belli gli articoli di un altro, neppure se è suo figlio. Anzi, specialmente se è suo figlio. ([[Vittorio Zucconi]])
*Un giornalista non si deve schierare. I giornalisti hanno una funzione simile a quella dei giudici. ([[Mario Giordano]])
*Un vero giornalista spiega benissimo quello che non sa. ([[Leo Longanesi]])
*{{NDR|In riferimento al propio lavoro di giornalista di guerra}} Visto il mestiere che faccio, dovrei finire all'[[inferno]], dove troverei certamente storie particolari da raccontare. ([[Ettore Mo]])
 
===[[Karl Kraus]]===
235

contributi