Differenze tra le versioni di "Cavallo"

m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".
(Inserisco in voce tematica .)
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
*Se stai camminando per Greene Street e senti un rumore di zoccoli dietro di te, non voltarti aspettandoti di vedere una [[zebra]]. Aspettati un cavallo.<ref name=medicina>Il professor Woodward pronunciava spesso una frase molto simile alla prima per invitare i suoi studenti a pensare, nel corso della diagnosi differenziale, innanzi tutto alle ipotesi diagnostiche più probabili e quindi alle patologie più frequenti, piuttosto che a quelle più improbabili e rare. La frase appare come una rivisitazione in chiave medico/diagnostica del "[[rasoio di Occam]]", introdotto da [[Guglielmo di Ockham]] nel XIV secolo. La seconda frase deriva molto probabilmente dalla prima ed è diventata col tempo una sorta di proverbio o motto, molto utilizzato in campo medico proprio per rammentare agli [[studente di medicina|studenti di medicina]] e non solo il concetto esposto poc'anzi. Il termine "zebra" è entrato quindi a far parte dello slang medico statunitense proprio per indicare una diagnosi "esotica" ipotizzata da qualcuno nonostante una spiegazione più comune appaia invece come più probabile. Per approfondire vedi [[w:en:Zebra (medicine)|qui]].</ref> ([[Theodore Woodward]])
:Se senti gli zoccoli pensi al cavallo, non alla zebra.<ref name=medicina/>
*Senza di loro, l’uomol'uomo vivrebbe ancora nelle caverne. E noi come li ripaghiamo? Facendone bistecche quando sono stanchi di galoppare. Lo stesso con le mucche che ci hanno nutrito del loro latte. Che barbarie! ([[Vittorio Feltri]])
*Un cavallo! Un cavallo! Il mio regno per un cavallo! ([[William Shakespeare]])
*Una cavalla è più sensibile di una donna, specialmente se è una cavalla di razza. ([[Hans Hellmut Kirst]])
69 545

contributi