Differenze tra le versioni di "Edwin Abbott Abbott"

m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
 
*Voi, che avete la fortuna di avere tanto l'ombra che la luce, voi che avete due occhi dotati della conoscenza prospettica e allietati dal godimento dei vari colori, voi che potete "vederlo" per davvero, un angolo, e contemplare l'intiera circonferenza di un Circolo nella beata regione delle Tre Dimensioni... come potrò mai render chiara a voi l'estrema difficoltà che incontriamo noi, in Flatlandia, per riconoscere le nostre rispettive configurazioni?
*Tutti gli esseri della Flatlandia, animati o inanimati, qualunque sia la loro forma, presentano "al nostro occhio" il medesimo, o quasi il medesimo aspetto, quello cioè di una Linea Retta. Se dunque tutti hanno lo stesso aspetto, come si farà a distinguere l'uno dall'altro?
* “Infinita"Infinita beatitudine dell’esistenzadell'esistenza! Esso è; e non c’èc'è altro al di fuori di Esso. Quello che Esso pensa, Esso lo dice; e quello che Esso dice, Esso lo ode; ed Esso è Pensatore, Parlatore, Ascoltatore, Pensiero, Parola, Audizione; è l’Unol'Uno, e tuttavia il Tutto nel Tutto. Ah, la felicità, ah, la felicità di Essere!"
*Osserva quella miserabile creatura. Quel Punto è un Essere come noi, ma confinato nel baratro adimensionale. Egli stesso è tutto il suo Mondo, tutto il suo Universo; egli non può concepire altri fuor di se stesso: egli non conosce lunghezza, né larghezza, né altezza, poiché non ne ha esperienza; non ha cognizione nemmeno del numero Due; né ha un'idea della pluralità, poiché egli è in se stesso il suo Uno e il suo Tutto, essendo in realtà Niente. Eppure nota la sua soddisfazione totale, e traine questa lezione: che l'essere soddisfatti di sé significa essere vili e ignoranti, e che è meglio [[Aspirazione|aspirare]] a qualcosa che essere ciecamente, e impotentemente, felici.
*Ancora una volta mi sentii sollevare nello [[Spazio]]. Era proprio come la Sfera aveva detto. Più ci allontanavamo dall'oggetto che stavamo osservando, più il campo visivo aumentava. La mia [[città]] natia, con l'interno di ogni [[casa]] e di ogni creatura ivi contenuta, si apriva al mio sguardo come in miniatura. Salimmo ancora e, oh, i segreti della [[terra]], le profondità delle miniere si svelava davanti a me!<br>Sbigottito alla vista dei misteri della terra così rivelati al mio [[occhio]], dissi al mio compagno: «Guarda, sono diventato come un [[Dio]]:. Perché i saggi al nostro [[paese]] dicono che la visione di tutte le cose o, come essi si esprimono, l'''onniveggenza'', è attribuito a Dio solo». C'era un po' di scherno nella [[voce]] del mio [[Maestro]] quando rispose: «Davvero? Allora anche i borsaioli e gli assassini del mio paese dovrebbero essere venerati come Dèi dai vostri saggi: perché non ce n'è uno che non veda quel che tu vedi. Ma dài retta a me, i vostri saggi si sbagliano». (1989)
69 545

contributi