Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 2 anni fa
*''Fece la fine de l'abbacchio ar forno | perchè credeva ar libbero pensiero, | perché si un prete je diceva: – È vero – | lui rispondeva: – Nun è vero un corno!''<ref>Da ''[[Giordano Bruno]]'', ''Sonetti''.</ref>
*L'[[umorismo]] è lo [[zucchero]] della vita. Ma quanta saccarina in commercio!<ref>Citato in [[Dino Provenzal]], ''Dizionario umoristico'', Ulrico Hoepli, Milano, 1935.</ref>
*''La lumachella de la Vanagloria | ch'era strisciata sopra un obelisco, | guardò la [[bava]] e disse: Già capisco | che lascerò un'impronta ne la Storia''.<ref>Citato in Luciani 1979, p. 15.</ref>
*''Quann'ero ragazzino, | mamma mia me diceva: | Ricordati, fijolo, | quanno te senti veramente solo | tu prova a recità n'[[Ave Maria]]''.<ref>Da ''La solitudine''.</ref>
*''Quanno che senti di' "[[cleptomania]]" | è segno ch'è un signore ch'ha rubato: | er ladro ricco è sempre un ammalato | e er furto che commette è una pazzia. | Ma se domani è un povero affamato | che rubba una pagnotta e scappa via | pe' lui nun c'è nessuna malatia | che j'impedisca d'esse condannato.''<ref>Da ''L'ingiustizie der monno''.</ref>