Differenze tra le versioni di "Gilbert Keith Chesterton"

m
da wikificare
m (da wikificare)
{{w|Parecchie citazioni specie nella sezione "Citazioni di..." sono seguite da fonte gravemente incompleta}}
[[File:G. K. Chesterton.jpg|thumb|Gilbert Keith Chesterton]]
'''Gilbert Keith Chesterton''' (1874 – 1936), scrittore britannico.
*Il povero onesto può a volte dimenticare la sua condizione, ma l'uomo ricco e onesto non lo può fare. (''All things considered'', cap. 2)
*Il temperamento artistico è una malattia che affligge i [[dilettante|dilettanti]]. (''Eretici'', cap. 17)
*L'ideale cristiano non è stato messo alla prova e trovato manchevole: è stato giudicato difficile, e non ci si è mai provati ad applicarlo. (da ''What's wrong with the world'')
*L'intelligenza moderna non accetta nulla che venga dall'autorità. Ma accetta invece qualsiasi cosa che non sia autorevole. (''L'uomo che sapeva troppo'', cap. 5)
*L'uomo che lancia una bomba è un artista perché preferisce un grande momento a tutto. (''L'uomo che fu giovedì'', cap. 1)
*L'uomo non vive di solo [[sapone]]. (da ''All I survey'')
*La Bibbia ci dice di amare i nostri vicini di casa, ed anche di amare i nostri nemici. Probabilmente perché spesso sono la stessa cosa. (''The illustrated London news'', 16 luglio 1910)
*La crudeltà è, forse, il tipo peggiore di peccato. La crudeltà intellettuale è certamente il tipo peggiore di crudeltà. (''All things considered'', cap. 6)
*Le forze che cambiano il corso della storia sono le stesse che cambiano il cuore dell'uomo. (citato nella postfazione a Gilbert Keith Chesterton, ''La Ballata del Cavallo Bianco'', Raffaelli Editore, Seconda Edizione 2011, a cura di Annalisa Teggi e Marco Antonellini, postfazione di Marica Ferri, p. 159)
*Le grandi opere letterarie sono sempre allegoriche: allegoriche di una qualche visione totale del mondo. (da ''The Ballad of the White Horse'')
*L'ideale cristiano non è stato messo alla prova e trovato manchevole: è stato giudicato difficile, e non ci si è mai provati ad applicarlo. (da ''What's wrong with the world'')
*L'uomo non vive di solo [[sapone]]. (da ''All I survey'')
*Non credo che il fato colpisca gli uomini qualunque cosa facciano, ma credo che il fato li colpisca a meno che essi non facciano qualcosa. (''The illustrated London news'', 29 aprile 1922)
*Ogni architettura è grande dopo il tramonto: forse l'architettura è veramente un'arte notturna, come quella dei [[fuochi d'artificio|fuochi artificiali]]. (''Tremendous trifles'', cap. 20)
*Uno dei misteri del [[matrimonio]], che deve essere un sacramento e uno dei più incredibili, è che un uomo inutile come me, può diventare indispensabile in certi momenti. Non mi sono mai sentito così piccolo come ora che so quanto sono necessario. <ref> Citato nella postfazione a Gilbert Keith Chesterton, ''La Ballata del Cavallo Bianco'', Raffaelli Editore, Seconda Edizione 2011, a cura di Annalisa Teggi e Marco Antonellini, postfazione di Marica Ferri, p. 171.</ref>
*Vi è qualcosa di depravato in ogni uomo che non abbia voglia di violare i dieci comandamenti. (''The illustrated London news'', 11 aprile 1925)
*L'intelligenza moderna non accetta nulla che venga dall'autorità. Ma accetta invece qualsiasi cosa che non sia autorevole. (''L'uomo che sapeva troppo'', cap. 5)
 
{{Intestazione2|''Idioti con l'aureola''|In [[Walt Whitman]], ''Canto una vita immensa'', a cura di [[Antonio Spadaro]], Ancora, Milano, 2009, pp. 149-153. ISBN 88-514-0632-4}}