Differenze tra le versioni di "Juan Valera"

→‎Citazioni: wikilinks.
m (Aggiunta immagine, commons)
(→‎Citazioni: wikilinks.)
*La [[mano]] è lo strumento delle nostre opere, il segno della nostra nobiltà, il mezzo attraverso il quale l'intelligenza riveste con una forma i suoi pensieri artistici, e dà esistenza alle creazioni della volontà, ed esercita l'imperio che Dio concesse all'uomo su tutte le creature. (p. 53)
*Ciò che è in me ancora efficace contro l'amore, non è il timore, ma l'amore stesso. (p. 106)
*Il [[regno dei cieli]] cede alla violenza, e io voglio conquistarlo. Con violenza busso alle sue porte perché mi venga aperto. (p. 111)
*Meditando sull'amore, trovo mille motivi per amare Dio e per non amare lei. (p. 112)
*Così come l'amore di Dio non esclude l'amore della patria, l'amore dell'umanità, l'amore per la scienza, l'amore per la bellezza della natura e dell'arte, così neppure dovrebbe escludere questo amore, se è spirituale e immacolato. Io farò di lei, dico a me stesso, un simbolo, un'allegoria, un'immagine di tutto ciò che è buono e bello. Sarà per me, quello che Beatrice fu per [[Dante]], espressione e simbolo della patria, della cultura e della bellezza. (p. 113)
*Il [[diavolo|demonio]] anela furiosamente ad inghiottire le pure acque del Giordano, cioè le persone consacrate a Dio. Contro costoro, l'inferno congiura scatenando tutti i suoi mostri. (p. 114)
*I piaceri che la fantasia intravede, anche se goduti e consumati fino in fondo, non valgono nulla in confronto agli amari ricordi. (p. 137)
*In genere, noi uomini, siamo soliti essere in balia delle circostanze, ci lasciamo trascinare dalla corrente; e ci dirigiamo non senza esitazione verso un punto determinato. Non siamo noi che scegliamo, ma accettiamo e facciamo quello che ci tocca in sorte, quello che ci offre la cieca [[fortuna]]. La professione, il partito politico, l'intera vita di molti uomini pende da casi fortuiti, dall'evento, dal capriccio improvviso della sorte. (p. 144)
 
==Bibliografia==