Apri il menu principale

Modifiche

m
 
==''Poesie varie''==
*''Di velo, il sai, compiacesi | Amoramor modesto e puro. | Va, fra quell'[[Ombra|ombre]] tacite | Mimi troverai, tel giuro. (da ''La fecondità'', p. 275)
*''Finché l'[[età]] n'invita, | Cerchiamcerchiam di goder. | L'[[aprile]] del piacer | Passapassa, e non torna più. | Grave divien la vita | Sese non ne [[carpe diem|cogli il [[Fiore|fior]]''. (da ''All'amica'', p. 275)
*''I nostri cori a gara | Lasciamolasciamo [[Delirio|delirar]] | Chichi sa fervente amar, | Solosolo è felice''. (da ''All'amica'', p. 275)
*''Per due fedeli [[Amore|amanti]] | Tuttotutto, tutto è [[Gioia|gioir]]''. ((da ''All'amica'', p. 275)
*''Più sei bella, più devi | Adad [[Amore|Amor]] voti e fè''. (p. 275)
*''[[Amare|Amiam]], che i dì son brevi; | Unun [[giorno]] senza amor, | Èè giorno di dolor, | Giorno perduto''. ((da ''All'amica'', p. 275)
*''E meglio tra capanne in umil sorte, | che nel tumulto di ribalta corte, | [[Filosofiafilosofia]] s'impara''. (da ''Invito d'un solitario a un cittadino'', p. 275)
*''Vieni dunque, infelice, a queste selve; | Fuggifuggi l'empie [[città]], fuggi i lucenti | Dd'oro palagi, tane di serpenti, | Ee di perfide belve''. (da ''Invito d'un solitario a un cittadino'', p. 276)
*''E te pur, dolce amico, e te pur prende | Deldel mio soffrir pietade; ed in me fitto | Lolo sguardo, mostri che il dòlor ti fende | Didi che misero io porto il coi- trafitto. || Né la virtù che agli altrui mali intende, | Inin te si spense al meditar lo scritto | Deldel fiero vate che in sentenze orrende | Didi Farsaglia cantò l'alto delitto''. (da''Al sig. conte Francesco Cassi'', p. 18)<ref name=Rac>Vincenzo Monti, ''Poesie varie'', ''Raccolta di poeti classici italiani antichi e moderni'', Milano 1834</ref>
*''E diran tutti: L'italo cantore | Vinsevinse il latino; chè le Furie a quello | Furfur Mute, e a te, leggiadro spirto, il core''. (da''Al sig. conte Francesco Cassi'', p. 18)<ref name=Rac></ref>
*''Più la contemplo, più vaneggio in quella | Mirabilmirabil tela: e il cor, che | ne sospira, | nell'obbietto del suo arnor delira, | Cheche gli amplessi n'aspetta e la favella''. (''Per un dipinto del celebre sig. Filippo Agricola rappresentante la Figlia delPAutore'', p. 21)<ref name=Rac></ref>
*''Nel fiso riguardar l'amato obbietto | Deldel mio lungo desir tanta è la piena, | Lala dolce piena del paterno affetto, | Cheche il gaudio quasi a delirar mi mena. || L'anima, tutto abbandonando il petto, | Correcorre negli occhi, e Amor ve l'incatena''. (da ''Agli amici'', p. 22)<ref name=Rac></ref>
 
==''Amor peregrino''==