Differenze tra le versioni di "1984"

474 byte aggiunti ,  4 anni fa
m
→‎Citazioni: +1 da orwell
(→‎Citazioni: +1 da Orwell)
m (→‎Citazioni: +1 da orwell)
*Era un po' curioso pensare che il cielo era lo stesso per tutti, in Eurasia, in Estasia, e anche lì. E la gente sotto il cielo, anche, era sempre la stessa gente... dovunque, in tutto il mondo, centinaia o migliaia di milioni di individui, tutti euguali, ignari dell'esistenza di altri individui, tenuti separati da mura di odio e di bugie, eppure quasi gli stessi...
*Era un solitario fantasma che proclamava una [[verità]] che nessuno avrebbe mai udita.<!-- sic --> Ma per tutto il [[tempo]] impiegato a proclamarla, in un qualche misterioso modo la continuità non sarebbe stata interrotta. Non era col farsi udire, ma col resistere alla [[stupidità]] che si sarebbe potuto portare innanzi la propria [[eredità]] d'[[uomo]].
*I [[libri]] migliori [...] sono proprio quelli che ci dicono quel che già sappiamo.<ref>Citato in Ciro Pisaturo, ''Appunti di psicomotricità: la pratica psicomotoria nella clinica neuropsichiatrica dell'età evolutiva'', Piccin, Padova, 1996, p. 315; citato anche in ''[http://www.storie.it/riletture/george-orwell-i-libri-migliori-ci-dicono-quel-che-gia-sappiamo/ George Orwell: i libri migliori ci dicono quel che già sappiamo]'', ''Storie.it'', 12 maggio 2014.</ref>
*In filosofia, in religione, in etica e in politica, due e due avrebbero potuto fare cinque, ma fino a che ci si manteneva nell'ambito di disegnare un aeroplano o un fucile dovevano fare quattro.
:Libertà è la libertà di dire che due più due fa quattro. Garantito ciò, tutto il resto ne consegue naturalmente. (I, VII)