Differenze tra le versioni di "Richard Stallman"

1 255 byte aggiunti ,  4 anni fa
+1
m (sistemo)
(+1)
 
==Citazioni di Richard Stallman==
*I computer {{NDR|e la maggior parte dei telefoni cellulari}} sono il sogno di [[Stalin]]: sono strumenti perfetti per sorvegliare, poiché possono archiviare ogni tipo di attività degli utenti. [...] La maggior parte dei telefoni cellulari trasmette la loro posizione, calcolata grazie a sistemi GPS, su richiesta da parte di sistemi remoti. La compagnia telefonica accumula un'enorme lista di luoghi dove gli utenti sono stati. Un parlamentare tedesco del partito dei Verdi {{NDR|correzione successiva: Malte Spitz è dello staff dei Verdi, ma non è un parlamentare}} ha chiesto alla compagnia telefonica di fornirgli i dati a proposito dei luoghi dove lui stesso era stato. È stato costretto a citare la compagnia, ricorrere alla giustizia per ottenere queste informazioni. E quando le ha ottenute, ha ricevuto 44.000 posizioni geografiche per un periodo di sei mesi. Si tratta di più di duecento informazioni al giorno! Ciò significa che qualcuno potrebbe creare un'ottima schedatura delle attività di una persona, semplicemente osservando questi dati.<ref>Da una lezione tenuta a Sciences Po a Parigi il 19 ottobre 2011; trascritta in ''[https://www.gnu.org/philosophy/free-digital-society.html Una società digitale libera]'', ''Gnu.org''.</ref>
* Il movimento del software libero non si identifica generalmente con la destra o la sinistra politiche. Non ha una posizione su questioni politiche al di fuori della libertà di usare un programma e dei diritti fondamentali di chi utilizza un computer. (da [http://lists.softwarelibero.it/pipermail/discussioni/2010-March/018442.html un messaggio] inviato alla lista [http://lists.softwarelibero.it/mailman/listinfo/discussioni discussioni@softwarelibero.it], 5 marzo 2010)
 
*La società ha bisogno di libertà: quando un programma ha un padrone, l'utilizzatore perde la libertà di controllare parte della sua vita. (dall'intervista di Eugenio Occorso, ''Stallman: "Libero software in libera società"'', ''la Repubblica'', 21 giugno 2004)
*Non siamo contro nessuno, siamo solo a favore della libertà, abbiamo scopi costruttivi. (''ibidem'')
*Il copyleft è usato con uno spirito di sinistra, uno scopo di sinistra: incoraggiare le persone a cooperare e ad aiutarsi reciprocamente e a dare a tutti la stessa libertà. (da ''Il copyright è di destra, il copyleft è di sinistra'', intervista a cura di MediaMente, Rai Educational, Roma, 5 dicembre 1997)
*Sulla base di anni di conversazioni, mi sono convinto che una parte della causa del problema è la tendenza a chiamare il sistema Linux invece che GNU, e di descriverlo come open source invece che come software libero. (da un'intervista su [http://www.byte.com/documents/s=585/byt20010313s0001/index3.htm BYTE.com – Free Or Not Free], 13 marzo 2001)
* Non ho mai visto nessuno supporre che tutti i cittadini di New York siano colpevoli di omicidio, violenze, rapine, spergiuri o scrittura di software proprietario. (da [http://www.gnu.org/philosophy/my_doom.html My Doom and You])
:: I have not seen anyone assume that all the citizens of New York are guilty of murder, violence, robbery, perjury, or writing proprietary software.
*[[Steve Jobs]], il pioniere del computer inteso come prigione resa cool, progettato per separare gli stolti dalla propria libertà, è morto. Come il sindaco di Chicago, Harold Washington, disse del corrotto precedente sindaco Daley, non sono felice che sia morto, ma sono felice che se ne sia andato. Nessuno merita di dover morire, né Jobs, né Mr. Bill, nemmeno le persone colpevoli di mali peggiori dei loro. Ma tutti ci meritiamo la fine dell'influenza maligna di Jobs sul computing. Purtroppo, quell'influenza continua nonostante la sua assenza. Possiamo solo sperare che i suoi successori, nel proseguirne l'eredità, siano meno efficaci. (da ''[http://stallman.org/archives/2011-jul-oct.html#06_October_2011_(Steve_Jobs) Stallman.org]'', 6 ottobre 2011<ref name=longo>Citato in ''[http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/10/07/news/stallman_jobs-22869523/ Jobs, il padre del software libero: "Contento che se ne sia andato"]'', ''la Repubblica'', 7 ottobre 2011.</ref>)