Differenze tra le versioni di "Suffragette (film)"

m
m (→‎Explicit: refuso)
m (→‎Explicit: refusi)
{{explicit film}}
 
'''Maud''' {{NDR|voce fuori campo, leggendo un estratto da ''Three Dreams in a Desert'' di [[Olive Schreiner]]}}: "La donna errante procede alla ricerca della terra della libertà. «Come ci arriverò?» La ragione risponde: «La strada è una e una soltanto: lungo gli argini della fatica, lungo le acque della sofferenza. Non ce n'è altra.» La donna, avendo abbandonato tutto quello a cui si aggrappava grida: «Per cosa vado in questa terra lontana che nessuno ha mai raggiunto? Sono sola. Completamente sola.»<br>'''Edith''' {{NDR|mostrando la prima pagina del ''The Daily Mirror'' sul fneralefunerale di Emily Davison}}: È su tutti i giornali. Dicono che ci saranno migliaia di persone in strada.<br>'''Maud''': Proseguiamo, Edith. Me lo hai insegnato tu. [...]<br>'''Maud''' {{NDR|voce fuori campo, continuando la lettura}}: "E la ragione le disse: «Silenzio. Che cosa senti?» E lei rispose: «Sento il rumore di passi. Miriadi di miridiadimiriadi, migliaia di milgliaiamigliaia e vengono da questa parte.» «Sono i passi di quelli che ti seguiranno. Guidali.»
 
 
La morte di Emily Wilding Davison fu riportata in tutto il mondo.<br>Ha portato all'attenzione di tutto il mondo la lotta per i diritti delle donne.<br>È stata una lotta che portò all'incarcerazione di più di un migliaio di donne britanniche.<br>Nel 1918 il voto fu concesso a determinate donne con più di trent'anni.<br>Nel 1925 la legge riconobbe il diritto della madre sul figlio.<br>Nel 1928 le donne ebbero gli stessi diritti di voto degli uomini.<br>Il voto alle donne nelle altre parti del mondo fu concesso nel:<br><br>1893<br>Nuova Zelanda<br><br>1902<br>Australia<br><br>1913<br>Norvegia<br><br>1917<br>Russia<br><br>1918<br>Austria<br>Germania<br>Polonia<br><br>1920<br>Stati Uniti d'America<br><br>1932<br>Brasile<br><br>1934<br>Turchia<br><br>1944<br>Francia<br><br>1945<br>Italia<br><br>1949<br>Cina<br>India<br><br>1953<br>Messico<br><br>1971<br>Svizzera<br>1974<br>Giordania<br><br>1976<br>Nigeria<br><br>2015<br>Qatar<br><br>2015<br>Arabia Saudita<br>Alle donne è stato promesso il diritto di voto.
{{ColBreak}}
:''Emily Wilding Davison's death was reported across the world.<br>It drew global attention to the fight for women's rights.<br>It was a fight that led to the imprisonment of more than a thousand british women.<br>In 1918 the vote was given to certain women aged over 30.<br>In 1925 the law recognised a mother's rights over her children.<br>In 1928 women achived the same voting rights as men.<br>Votes for women in other parts of the world began nationally in:''<br>[[File:Britain Before the First World War Q81834.jpg|thumb|upright=1.3|Alla fine del film viene mostrato un filmato d'epoca della processione funebre in onore di [[Emily Davison]] (Morpeth, Northumberland, 13 giugno 1913)]]<br>''1893<br>New Zealand<br><br>1902<br>Australia<br><br>1913<br>Norway<br><br>1917<br>Russia<br><br>1918<br>Austria<br>Germany<br>Poland<br><br>1920<br>USA<br><br>1932<br>Brazil<br><br>1934<br>Turkey<br><br>1944<br>France<br><br>1945<br>Italy<br><br>1949<br>China<br>India<br><br>1953<br>Mexico<br><br>1971<br>Switzerland<br>1974<br>Jordan<br><br>1976<br>Nigeria<br><br>2015<br>Qatar<br><br>2015<br>Saudi Arabia<br>Women are promised voting rights'' ('''Testo a scorimentoscorrimento''')
{{EndMultiCol}}
 
14 387

contributi