Differenze tra le versioni di "Carlo Azeglio Ciampi"

comincio a sistemare
(fonti già nelle voci degli autori)
(comincio a sistemare)
 
==Citazioni di Carlo Azeglio Ciampi==
*{{NDR|Io invece la saluto cordialmente.<ref>A conclusione dell'intervento, durante la visita a Palazzo Marino, fece un giro stringendo le mani a tutti i consiglieri presenti. Un consigliere comunale leghista, Matteo Salvini, lo attendeva scuro in volto. Quando il Presidente gli fu vicino e stese la mano per il saluto, lui rispose tenendo ostentatamente le mani dietro la schiena: «No, grazie, ''dottore'', Lei non mi rappresenta». Ciampi sorrise e fece con la mano il segno del «ciao ciao»:}} Io invece la saluto cordialmente.</ref><ref group="fonte">Citato in Paolo Peluffo ''Carlo Azeglio Ciampi. L'uomo e il presidente" di Paolo Peluffo''.</ref>
*I nomi del [[Risorgimento]] sono vivi, sono dentro di noi, ci appartengono. Ovunque vada, in questo lungo viaggio in [[Italia]], mi rendo conto che gli italiani sono sempre orgogliosi della loro storia. Quando sono a [[Torino]], a [[Milano]], e non soltanto, mi muovo con emozione per le strade che ricordano i nomi degli uomini che hanno fatto l'Italia, i re e i primi ministri, ma anche i [[Carlo Cattaneo|Cattaneo]] e i [[Giuseppe Mazzini|Mazzini]]. Il Risorgimento lo porto nel cuore. E sono convinto che non sia un sentimento soltanto mio, che gli italiani lo sentano quanto me.<ref (citatogroup="fonte">Citato in ''Ciampi e il varo della nuova Cavour «Risorgimento, un sentimento vivo»'', ''Corriere della sera'', 7 luglio 2004).</ref>
*Siamo romani. Siamo italiani. Essere nati e vivere in Italia è un dono: a Roma, è un privilegio. (dal<ref>Dal discorso per la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria di Roma<ref>Citato; citato in ''[http://www.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/2005/09/27/Politica/CIAMPI-IN-CAMPIGLIO-CITA-IL-PAPA-SEMO-ROMANI-E-DAMOSE-DA-FA_093959.php Ciampi: in Campidoglio cita il Papa, semo romani e damose da fa']'', ''Adnkronos.com'', 27 settembre 2005.</ref>)
*L'importante è che nell'andare avanti, si vada avanti con l'orgoglio del passato.<ref>Carlo Azeglio Ciampi, Presidente Emerito della Repubblica e Presidente del Comitato dei Garanti per le celebrazioni del 2011: i giovani ed il valore del passato. Roma, 14/03/2008</ref>
* Io e [[Silvio Berlusconi|Berlusconi]] venivamo raccontati come gli estremi di un pendolo: da una parte Ciampi, l'uomo che difende le istituzioni, e dall'altra parte Berlusconi, l'uomo che delegittima le istituzioni. Mai come oggi mi sento di dire che questa immagine riassume alla perfezione quello che penso.<ref>23 novembre 2009, intervista a La Repubblica</ref>
==Note==
<references/>
===Fonti===
<references group="fonte"/>
 
==Voci correlate==