Differenze tra le versioni di "Teocrito"

37 byte rimossi ,  3 anni fa
sistemo..
(sistemo..)
'''Teocrito''' (315 a.C. – circa 250 a.C.), poeta greco.
== Idilli ==
=== ''Le Siracusane o le donne alla festa di Adone'' ===
Tu stai dando ordini a donne<br />di [[Siracusa]] e perché tu lo sappia,<br />noi siamo originarie di [[Corinto]],<br />come Bellerofonte. Noi parliamo<br />con la cadenza del Peloponneso. <ref>[http://www.miti3000.it/mito/biblio/teocrito/idilli.htm#15 ''Le Siracusane o le donne alla festa di Adone'']</ref>
=== ''Le Càriti o Gerone'' ===
Un brivido ha già còlto<br />
i [[Fenici]] abitanti sulle estreme<br />
pendici della [[Libia]], al punto dove<br />
il sole cala e già i Siracusani<br />
reggono al centro il peso delle lance<br />
con le braccia gravate dagli scudi<br />
di vimine di salice e tra loro<br />
[[Gerone II|Gerone]] si arma, simile agli eroi<br />
del tempo antico: sopra l'elmo è l'ombra<br />
della criniera equina.<ref name="a">[http://www.miti3000.it/mito/biblio/teocrito/idilli.htm#16 XVI - Le Càriti o Gerone]</ref>
 
== ''Idilli ''==
La gloria di Gerone<br />
*''Tu stai dando ordini a donne<br />| di [[Siracusa]] e perché tu lo sappia,<br />| noi siamo originarie di [[Corinto]],<br />| come Bellerofonte. Noi parliamo<br />| con la cadenza del Peloponneso.'' (Prassìnoa: da ''Le Siracusane o le donne alla festa di Adone'', XV<ref>Traduzione di ''[http://www.miti3000.it/mito/biblio/teocrito/idilli.htm#15 Miti3000.it]''Le Siracusane o le donne alla festa di Adone''].</ref>)
in alto sollevassero gli aedi<br />
 
oltre il mare di Scizia e fin là dove,<br />
*''Un brivido ha già còlto | i [[Fenici]] abitanti sulle estreme | pendici della [[Libia]], al punto dove | il sole cala e già i Siracusani | reggono al centro il peso delle lance | con le braccia gravate dagli scudi | di vimine di salice e tra loro | [[Gerone II|Gerone]] si arma, simile agli eroi | del tempo antico: sopra l'elmo è l'ombra | della criniera equina.'' (da ''Le Càriti o Gerone''<ref name="a">Traduzione di ''[http://www.miti3000.it/mito/biblio/teocrito/idilli.htm#16 Miti3000.it]''.</ref>)
legato con l'asfalto il vasto muro,<br />
 
regnava Semiramide! Io son uno,<br />
*''La gloria di Gerone | in alto sollevassero gli aedi | oltre il mare di Scizia e fin là dove, | legato con l'asfalto il vasto muro, | regnava Semiramide! Io son uno, | ma le figlie di [[Zeus]] ne prediligono | molti altri ancora e sia gradito a tutti | celebrare la sicula [[Aretusa]] | e i popoli e Gerone bellicoso.'' (da ''Le Càriti o Gerone''<ref name="a" />)
ma le figlie di [[Zeus]] ne prediligono<br />
molti altri ancora e sia gradito a tutti<br />
celebrare la sicula [[Aretusa]]<br />
e i popoli e Gerone bellicoso.<ref name="a" />
 
==[[Incipit]] di alcune opere==
 
==Bibliografia==
*Teocrito, ''Il Rubator de' Favi'' e ''Per Epicharmo Siracusano inventore della Commedia'', traduzione di Domenico Regolotti, in "''Biografia degli uomini illustri della Sicilia ornata de' loro rispettivi ritratti"'', a cura di Giuseppe Emanuele Ortolani, Napoli, 1842.
*Teocrito, ''L'Epitalamio d'Elena'', in "''Il rapimento d'Elena"'' del poeta Coluto di Licopoli nella Tebaide, traduzione di Angelo Teodoro Villa, Milano, 1758.
*Teocrito, ''La rócca'', traduzione di [[Giacomo Zanella]], in "''Versi di Giacomo Zanella"'', Firenze, G. Barbèra, 1868.
*Teocrito, ''Sopra Adone morto'', in "''Poesie greche, intere o in frammenti, tradotte ed annotate da Achille Giulio Danesi, preceduto dal poemetto L'Ellade"'', Tipografia Editrice Tempo, Palermo, 1886.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w|s=Autore:Teocrito}}
 
[[Categoria:Poeti greci antichi|Teocrito]]