Differenze tra le versioni di "Alice in Wonderland"

*'''Alice''': Chi è questo Brucaliffo? <br/> '''Bianconiglio''': La saggezza, assoluta. <br/> '''Pancopinco e Pancopinco''': Il Brucaliffo!
 
*'''Brucaliffo''': Chi sei tu? <br/> '''Alice''': Brucaliffo? <br/> '''Brucaliffo''': Tu non sei il Brucaliffo, io sono il Brucaliffo. La domanda è: chi sei tu? <br/> '''Alice''': Alice. <br/> '''Brucaliffo''': Questo si vedrà. <br/> '''Alice''': Non capisco, che vuol dire? Lo dovrei sapere chi sono. <br/> '''Brucaliffo''': Certo, dovresti, stupidina. Srotolate l'Oraculum. <br/> '''Bianconiglio''': L'Oraculum, ovvero un compendio calendrico di sottomondo. <br/> '''Alice''': È un calendario? <br/> '''Brucaliffo''': Un compendio. Che narra la storia di ogni singolo giorno, fin dal principio. <br/> '''Bianconiglio''': Quest'oggi è il giorno Gloriae Tornanti dell'era della Regina Rossa. <br/> '''Brucaliffo''': Mostratele il giorno Jous Glorioso. <br/> '''Pancopinco''': Si, sarebbe il giorno in cui fai a fette il Ciciarampa. <br/> '''Alice''': Scusa, che cosa faccio a fette? <br/> '''Pincopanco''': Quella sei tu con la spada bigralace. <br/> '''Pancopinco''': Nessun'altra spada può uccidere il Ciciarampa in alcun modo. Niente bigralace, niente morte. <br/> '''Alice''': Questa non sono io. <br/> '''Mallymkun''': Lo so. <br/> '''Bianconiglio''': Sciogli il nostro dubbio Brucaliffo: è lei la giusta Alice? <br/> '''Brucaliffo''': Quasi affatto. <br/> '''Mallymkun''': Te l'ho detto. <br/> '''Bianconiglio''': Oh cielo. <br/> '''Pancopinco''': Io l'avevo detto. <br/> '''Pincopanco''': Io l'avevo detto! <br/> '''Pancopinco''': Alla rovescia: hai detto che potrebbe esserlo. <br/> '''Pincopanco''': No, tu hai detto che lo sarebbe se lo fosse. <br/> '''Fiore''': Piccola bugiarda. Fingersi Alice, dovrebbe vergognarsi. <br/> '''Bianconiglio''': Ero così sicuro che fosse tu. <br/> '''Alice''': Mi dispiace, non voglio essere l'Alice sbagliata. Un momento, questo è il mio sogno... Adesso mi sveglio e voi tutti sparirete. {{NDR|Si dà un pizzicotto}} Che strano, il pizzicotto funziona di solito.
 
*'''Stregatto''': A quanto pare ti sei impegolata con esseri dagli artigli malvagi. <br/> '''Alice''': E sto ancora sognando. <br/> '''Stregatto''': Chi è stato a farti quello? <br/> '''Alice''': Il grambo... il grafobra... <br/> '''Stregatto''': Il grafobrancio? Allora, è meglio che dia un'occhiata. <br/> '''Alice''': Che vuoi fare? <br/> '''Stregatto''': Deve essere purificato da chi ha qualità evaporatrici, altrimenti suppurerà e si putreferà. <br/> '''Alice''': Preferirei di no. Starò bene appena mi sveglierò. <br/> '''Stregatto''': Lascia almeno che te lo fasci, mia cara. Dì un po', com'è che ti chiami? <br/> '''Alice''': Alice. <br/> '''Stregatto''': Quella Alice? <br/> '''Alice''': Si è dibattuto parecchio di questo. <br/> '''Stregatto''': Non mi sono mai interessato di politica... È meglio se ti rimetti in marcia. <br/> '''Alice''': Quale marcia? Io voglio soltanto risvegliarmi da questo sogno. <br/> '''Stregatto''': Va bene. Ti porterò dal Leprotto e dal Cappellaio. Ma non farò di più. Vieni?