Differenze tra le versioni di "Creazione (teologia)"

m
nessun oggetto della modifica
m
*La creazione esiste per il suo creatore. Secoli di antropocentrismo hanno quasi completamente oscurato questo punto fondamentale. [...] Dal momento che la natura di Dio è amore, e dal momento che Dio ama la sua creazione, ne deriva che ciò che viene genuinamente donato e finalizzato da questo amore deve acquisire un qualche diritto relativamente al Creatore stesso. ([[Andrew Linzey]])
*La creazione: il bene frantumato e disseminato attraverso il male. ([[Simone Weil]])
*La creazione stessa attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio; essa infatti è stata sottomessa alla caducità – non per suo volere, ma per volere di colui che l'ha sottomessa – e nutre la speranza di essere lei pure liberata dalla schiavitù della corruzione, per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio. Sappiamo bene infatti che tutta la creazione geme e soffre fino ad oggi nelle doglie del parto. ([[Paolo di Tarso]], ''[[Lettera ai Romani]]'')
*La prima creazione consisteva di spiriti, geni, demoni, usciti dalla bocca dell'essere increato come materializzazione del suo fiato vitale (''prāṇa''). Apparve dapprima Rudra, luminoso come il sole che sorge. Era androgino… L'immensità, vedendo quest'ermafrodito divino, gli disse: "Dividiti". Così, con il lato sinistro del dio, fu creata una dea che divenne la sua compagna. (''[[Liṅga Purāṇa]]'')
*Non c'è da meravigliarsi che il Creatore, a quanto si dice, fece un passo indietro, meravigliato, dopo aver formato l'uomo dalla polvere della terra e avergli soffiato nelle narici un alito vitale, facendolo diventare un essere vivente. La cosa davvero strana fu che [[Adamo]] non si stupì. ([[Jostein Gaarder]])
 
==Voci correlate==
*[[Creazione]]
*[[Creatura]]
*[[Creazione]]
*[[Dio]]
*[[Mondo]]