Differenze tra le versioni di "Roddy Doyle"

(→‎Bibliografia: La donna che sbatteva...)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Mia madre alzò gli occhi a guardare le stelle. Ce n'erano tante lassù. Le tremava leggermente la mano mentre ne sceglieva una. Puntò un dito.
«Eccolo là, il mio piccolo Henry. Guarda, è lassù.»
Io guardai; ero l'altro suo piccolo Henry, seduto accanto a lei sul gradino. Guardai verso l'alto e lo odiai. Lei mi stringeva a sé, ma guardava il suo bambino che scintillava lassù. Povero me, là accanto a lei, pallido e con gli occhiocvchi arrossati, un ammasso di croste e pustole. Con lo stomaco che urlava perché voleva essere riempito e i piedi nudi che mi facevano male come quelli di un vecchio. Io, l'improbabile sostituto del piccolo Henry, troppo buono per questo mondo, l'Henry che Dio aveva voluto per sé. Povero me.
 
{{NDR|Roddy Doyle, ''Una stella di nome Henry'', traduzione di Giuliana Zeuli, Guanda}}
Utente anonimo