Ernst Wiechert: differenze tra le versioni

Inserisco una citazione, template sic per un refuso, wikilink, rivisto schema pagina.
m (Bot: migrazione automatica di 2 collegamenti interwiki a Wikidata: d:Q64850)
(Inserisco una citazione, template sic per un refuso, wikilink, rivisto schema pagina.)
'''Ernst Wiechert''' (1887 – 1950), scrittore tedesco.
 
==Citazioni su Ernst Wiechert==
*[[dolore|Tormentare]] {{sic|una}} animale per un'ora è cattivo, ma tormentare un uomo, migliaia di uomini, non per un'ora, ma per anni, per la vita intera, anzi per molte vite, non è cattivo, è infame, è diabolico, sì, così diabolico che un Dio non potrebbe assistervi a meno che non sia un pazzo o il signore di tutti i diavoli.<ref>Da ''La signora'', Milano 1936; citato in S. Coppola, M. de Angelis, M. de Martini, M. G. Piccolo, Alessandra Sannia, Giulia Colomba Sannia e Tina Pucci, ''I saperi integrati, {{small|Proposte di nodi tematici e concettuali dell'area letteraria, linguistica, espressiva e scientifica per un lavoro interdisciplinare}}'', a cura di Giulia Colomba Sannia, Liguori Editore, Napoli, 2001, p. 472. ISBN 88-207-3186-X</ref>
 
==Citazioni su Ernst Wiechert==
*Wiechert è forse lo scrittore tedesco che ho amato di più, perché è un incontro della giovinezza. Ormai è quasi dimenticato, e anche i suoi compatrioti lo han messo da parte. Il suo mondo, le sue storie, i suoi personaggi – contadini, servi, pastori d'anime – i suoi cieli prussiani e le foreste, le pianure sterminate, le paludi, le nevi, le torbiere, gli stormi migranti, sono lontani, cancellati da nuove trame, e anche la sua voce rassegnata si perde nel frastuono che ci circonda. ([[Enzo Biagi]])
 
==Note==
<references />
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w}}
 
{{stub}}
 
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Scrittori tedeschi|Wiechert, Ernst]]}}
[[Categoria:Scrittori tedeschi]]