Boualem Sansal: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
m (minuzie)
mNessun oggetto della modifica
{{Intestazione|Dall'intervista ''[http://www.ilfoglio.it/cultura/2015/11/29/lislam-senza-spiritualit___1-v-135471-rubriche_c417.htm L'islam è senza spiritualità]'', ''il Foglio.it'', 29 novembre 2015}}
 
*Il [[Corano]] è un testo che esercita un potente fascino sul musulmano e talvolta anche sul non musulmano. La scansione in [[lingua araba]] crea degli stati di quasi trance vissuti sia durante il canto dei muezzin sia durante la recitazione delle preghiere. Diversamente dal francese che nella sua armonia e nella sua misura è una lingua fatta per mormorare, l'arabo, gutturale almeno quanto il tedesco, si presta piuttosto bene all'ingiunzione, all'ordine breve. O comunque è così che viene percepito.
*Per quanto riguarda l'aspetto violento del [[Corano]], lo percepisco meno come una disposizione intrinseca – il testo oscilla molto, lungo le sure, tra clemenza e furore – che come una maniera diretta di indirizzarsi alla popolazione: gli anatemi lasciano un segno negli animi più degli inviti all'amore. Le prediche alla moschea vertono sempre su temi duri, come la denuncia della prostituzione, l'apostasia, e promettono le peggiori punizioni a chi contravviene ai precetti del Corano e tradiscono Allah.
*L'[[islam]] è un'idea, la parola di Dio per i musulmani, che il sistema religioso ha socializzato attraverso la moschea, la scuola coranica e un codice giuridico (la sharia) fortemente vincolante. Spinta all'estremo, una tale organizzazione può diventare abominevole, ed è così che dinanzi all'islam moderato che non vuole forzare le coscienze si è sviluppato l'islamismo che impone senza alcuna discussione, col pretesto che Dio non tratta con le sue creature...
{{interprogetto}}
 
{{DEFAULTSORT:Sansal, Boualem}}
[[Categoria:Scrittori algerini]]