Differenze tra le versioni di "Silvio Berlusconi"

nessun oggetto della modifica
m (→‎1997: +wikilink)
*È stato così per l'imprenditore che parte da zero e inventa avventure nuove e fuori dai confini prefissati, ed è così anche nella mia attività politica. L'[[innovazione|innovatore]] è uno che fa le cose in modo diverso da quello in cui si sono sempre fatte. Ritengo di essere geneticamente, istintivamente un innovatore; ma l'innovatore incarna l'antitesi dell'establishment che giudica ingombrante, fastidioso, da mettere ai margini chiunque abbia il gusto e il pallino delle novità.<ref group="fonte">Da un'intervista a ''Panorama''; citato in ''[http://archivio.lastampa.it/m/articolo?id=3860a588f2aaf846ff0ccbd30e83b04018c95e83 Il Cavaliere si confessa]'', ''La Stampa'', 24 gennaio 1997.</ref>
*[[Yasser Arafat|Arafat]] mi ha chiesto di dargli una tivù per la Striscia di Gaza: gli manderò ''Striscia la notizia''.<ref group="fonte" name=weahb>Citato in Paola di Caro, ''[http://web.archive.org/web/20151109041918/http://archiviostorico.corriere.it/1997/marzo/07/show_del_Cavaliere_Weah_Buttiglione_co_0_97030710545.shtml Lo show del Cavaliere, da Weah a Buttiglione]'', ''Corriere della Sera'', 7 marzo 1997, p. 4.</ref>
*Voi non avete idea di come sia pesante essere all'[[Opposizione (politica)|opposizione]] per uno come me che ha tanta voglia di fare.<ref group="fonte" name=weahb/>
*Credo che l'Italia non possa accettare di dare al mondo l'immagine di chi butta a mare qualcuno che fugge da un Paese vicino, temendo per la sua vita, cercando salvezza e scampo in un paese che ritiene amico. Il nostro dovere è quello di dare temporaneo accoglimen­to a chi si trova in queste condizioni.<ref group="fonte" name=alban>Nell'aprile 1997; citato da [[Gian Antonio Stella]], ''[http://www.corriere.it/politica/09_maggio_15/stella_albanesi_lacrime_cavaliere_7225b842-4110-11de-8b5d-00144f02aabc.shtml Quando il premier disse: «Quelle navi non vanno fermate»]'', ''Corriere.it'', 15 maggio 2009.</ref>
*Vede, io li ho visti, i superstiti del naufragio. Erano disperati. E nessuno era lì con loro, nessuno gli ha detto niente, capito? Si parla di settanta morti, venti bambini, una tragedia paragonabile a Ustica, e questi qui, dal presidente della Repubblica al presidente del Consiglio al ministro della Difesa, restano a casa loro? È drammatico.<ref group="fonte" name=alban/>