Differenze tra le versioni di "Re"

3 677 byte aggiunti ,  5 anni fa
sposto da Sovrano
(creazione voce (redirect))
 
(sposto da Sovrano)
{{Voce tematica}}
#REDIRECT[[sovrano]]
[[File:William the Conqueror by an unknown artist circa 1620.jpg|thumb|Ritratto del re Gugliemo il Conquistatore]]
{{indicedx}}
Citazioni sul '''re'''.
 
*{{NDR|Per conservare la propria carica di re}} bisogna concedere agli amici di parlare con franchezza, quando è il caso, e non permettere che i proprio sudditi vengano offesi, per quanto è possibile. ([[Teopompo]])
*È preferibile che il titolo di re sia in possesso di chi dispone del corrispondente potere e non di colui che ne è rimasto privo. ([[Franco Cuomo]])
*Il mondo a te appare semplice, amico mio, ma per chi è re poche scelte sono semplici. (''[[Troy]]'')
*Io vorrei che l'ultimo dei re fosse strangolato con gli intestini dell'ultimo dei preti. ([[Jean Meslier]])
*L'uomo sensibile ha anche bisogno d'aver provati i mali, o di averli conosciuti, per sentirli. Il cuore de' re ha ordinariamente la disgrazia di esser privo dell'uno, e dell'altro soccorso. Riparate dunque a questa disgrazia della vostra istessa grandezza. ([[Gaetano Filangieri]])
*Non sapeva che per i re il mondo è alquanto semplificato. Tutti gli uomini sono sudditi. ([[Antoine de Saint-Exupéry]])
*Non sarà mai detto ch'io mi sia dannato per l'amore d'alcun figlio di re cristiano. ([[William Shakespeare]])
*Quando uccidi un re, non lo fai in silenzio. Lo uccidi dove tutta la corte può vederlo morire. (''[[Gangs of New York]]'')
*''Re vincitor non serba odio a nemico | Di cui non teme''. ([[Vittorio Alfieri]])
*''Regnar non può l'uom vïolento e reo, | ch'esser pastor non può lupo rapace. || Tal re che ingiusto prendasi costume, | scrolla del regno suo le fondamenta.'' ([[Saˁdi]])
*Tom Canty contemplò intorno a sé il mare di facce entusiaste, e il cuore gli si gonfiò di esultanza e sentì che la sola cosa per cui valesse la pena di vivere a questo mondo consisteva nell'essere un re e l'idolo di una nazione. ([[Mark Twain]])
*Tutti volevano che un re fosse scelto perché non avevano ancora gustato la dolcezza della libertà. ([[Tito Livio]])
 
==Proverbi==
===[[Proverbi italiani|Italiani]]===
*Al re non è necessaria la barba, ma l'ingegno.
*Al tuo signore e re, guardar convien la fè.
*[[Avarizia]] dei re, peste dei regni.
*Ben possono dieci poveri dormir sotto un tetto, ma non due re in un regno.
*Dov'è un re debole, governa la [[nobiltà]].
*Dove siede il re, ivi è la cima.
*È meglio ricorrere al re che ai suoi ministri.
*Guai al paese che ha per re un fanciullo.
*I popoli si ammazzano, e i re si abbracciano.
*Il re è l'occhio del cieco e il braccio del debole.
*Il re è la [[legge]] vivente.
*L'amico del re è quello che gli dice il vero.
*La grazia del re è per l'uomo, quel che per la terra è la luce del [[sole]].
*La parola del re è giuramento.
*La volontà del re è comando.
*Meglio un buon re che una buona legge.
*Non può essere buon re degli altri chi non lo è di sé stesso.
*Nuovo re, nuova legge.
*Quando i re si accapigliano, i popoli ci lasciano il pelo.
*Quando il re è ammalato, il popolo non è in salute.
*Quando il re starnuta, tutta la corte dice: Salve.
*Quando vai nella dimora del re, entra cieco ed esci muto.
*Re tiranno non regna a lungo.
*Se il re sputa sopra un abete, chiamasi subito abete reale.
*Un buon re è una benedizione per il paese ed una fortuna per il suo popolo.
*Un re che disprezza le leggi, è disprezzato.
*Un re non letterato è un [[asino]] incoronato.
*Un re sconsigliato rovina popolo e paese.
 
==Bibliografia==
*Annarosa Selene, ''Dizionario dei proverbi'', Pan libri, 2004. ISBN 8872171903
 
==Voci correlate==
*[[Corona]]
*[[Monarchia]]
*[[Trono]]
 
==Altri progetti==
{{Interprogetto|wikt|preposizione=sul}}
 
[[Categoria:Titoli sovrani]]