Differenze tra le versioni di "Terrorismo"

1 087 byte aggiunti ,  5 anni fa
nessun oggetto della modifica
(+1)
*Mentre il terrorismo acuisce la difesa violenta dei potenti, le azioni dirette [[Nonviolenza|nonviolente]] creano nei potenti uno stato di disagio e di inferiorità. ([[Aldo Capitini]])
*Nel momento in cui faremo delle origini di una persona la prova del nove del terrorismo, il terrorismo ci farà diventare razzisti. (''[[Law & Order - I due volti della giustizia]]'')
*Non abbiamo risposte e stili di vita in grado di evitare o anestetizzare quel che è accaduto a Nizza, Parigi, Bruxelles, New York. Non abbiamo uomini, né forze, né intelligenze, né capacità per vincere questa guerra che c'è e non si può nascondere. Spesso non abbiamo la forza per guardare in faccia il dolore. Capita che non ne proviamo più, anestetizzati dal bombardamento che rende quotidiano e banale il male e l'orrore. E allora scorrono le vite ordinarie e si addormentano nelle loro comuni giornate da brava gente. È questa che chiamiamo [[civiltà]], e non lo è più. Sa sfornare due belle frasi di circostanza, compilare un bigliettino di buon sentimento da lasciare sul campo dell'orrore, si addormenta nel suo slogan che tranquillizza. "Siamo tutti parigini, siamo tutti nizzardi, siamo tutti... e non siamo più nulla". Che civiltà è quella che non ha più il senso delle cose e addormenta l'orrore nella fiamma di una comoda candela, nello slogan che non costa nulla "Pray for Paris, Prega per Parigi, prega per Bruxelles, prega per Nizza". ([[Franco Bechis]])
*''Per strada tante facce | non hanno un bel colore: | qui chi non terrorizza | si ammala di terrore''. ([[Fabrizio De André]])
*Se fossi nato in un campo profughi del Libano, forse sarei diventato anch'io un terrorista. ([[Giulio Andreotti]])
Utente anonimo