Differenze tra le versioni di "Tabagismo"

173 byte aggiunti ,  3 anni fa
*La vita senza fumo è come il fumo senza l'arrosto. ([[Cesare Pavese]])
*– ''Mi piace avere le sigarette, sempre e comunque. | Mi fanno sentire calmo quando la giornata sta per finire.''<br>– ''E se mi fanno venire il cancro prima dei novanta, me ne frego. Chi diavolo vuole arrivare ai novanta, in fondo?'' (''[[South Park (settima stagione)|South Park]]'')
*– Mi spiace gentile senziente, è vietato fumare. È deleterio per la sua salute. <br/> – Lo è anche parlare a sproposito, palloso fidiputt! (''[[Sovereign Seven]]'')
*Mi trovavo ad una cena con delle persone e tra gli invitati c'era anche un fumatore, a un certo punto un tizio si è messo a fare il gradasso e a dire "Ma che ti salta in mente non lo sai che il fumo fa male? Ti succederà questo, ti succederà quello. Dovresti smettere lo sai?" e il fumatore invece di dirgli "Ma vaffanculo" voglio dire "pensa ai fatti tuoi" come sarebbe stato giusto in fin dei conti, piuttosto imbarazzato e difendendosi ha detto "Ho cercato di smettere, ci devo riprovare, hai ragione, hai ragione". Allo stesso tavolo era seduta una signora molto grassa e mi sono detto, pensa se quello invece di attaccare il fumatore, avesse detto a quella [[sovrappeso|grassa signora]] "Ma non te ne rendi conto che sei obesa? Non lo sai quanto è pericoloso essere sovrappeso? Smettila di mangiare santo cielo, lascia stare quel dessert, non ti sei vista giusto?" La logica è la stessa, non credo sia possibile fare una distinzione tra i due esempi che ho fatto. La ragione sta nel fatto che è socialmente accettato attaccare i fumatori, ma non lo è attaccare gli obesi, ancora. Quindi la domanda è quand è che diventerà accettato socialmente permettersi di attaccare le persone grasse, nello stesso modo con cui viene fatto tranquillamente con i fumatori? (''[[Super Size Me]]'')
*Nell'altra tasca le mie dita urtarono contro le sigarette. Ne presi una e l'accesi. Mi sentivo come chi, ultimato un lavoro, si siede a tirare una meritata boccata di fumo. Volevo vivere. ([[Yukio Mishima]])