Differenze tra le versioni di "Football Club Internazionale Milano"

+2
m (Annullate le modifiche di 80.116.110.139 (discussione), riportata alla versione precedente di Spinoziano)
(+2)
{{voce tematica}}
[[File:Inter fans 2008(3).jpg|thumb|upright=1.4|Tifosi interisti in festa]]
{{indicedx}}
Citazioni sul '''Football Club Internazionale Milano'''.
*Sarò sempre legato all'Inter, che fa parte della mia vita e di quella della mia famiglia. Essere interisti è bellissimo: siamo diversi da tutti gli altri, è stupendo. Continuerò a esserlo sempre, così come sempre rimarrò legato all'Inter: magari in un altro ruolo ma continuerò a essere legato a questa grande famiglia.
*Sinceramente quando ho giocato la mia prima partita con questa maglia non avrei mai pensato che sarebbe potuta essere la prima di 800, giocate con la stessa maglia, con la stessa società. Questo mi riempie di orgoglio, soprattutto all'interno di un grande ambiente e di una grande famiglia come quella nerazzurra. Ho attraversato diversi momenti, ma sempre con la consapevolezza di essere il capitano di una grande squadra.
 
===[[Slogan calcistici]]===
*Amala.<ref name=slo>Slogan interista.</ref>
*Inter, grandi emozioni dal 1908.<ref name=slo/>
 
===[[Striscioni del calcio|Striscioni]]===
*Creò l'inferno ma non lo sopportò…sopportò... Nacque il biscione e la Curva Nord.<ref>Striscione esposto dalla curva interista allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano il 13 maggio 2003 in occasione della gara Inter 1-1 Milan.</ref>
*DAL 1908... SIETE VOI LA VERA COMMEDIA<br />''... e che trofeo giammai non veda | questa perduta gente in nerazzurro | ma che di scherno e delusione sia sempre preda.''<ref>Questo striscione venne esposto dalla curva milanista allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano il 14 aprile 2006 in occasione della gara Milan 1-0 Inter. Nello striscione di scherno verso i "cugini" interisti veniva raffigurato anche un gigantesco [[Dante Alighieri]].</ref>
*[[Pierre de Coubertin|De Coubertin]] era interista.<ref>Striscione esposto dai tifosi parmensi allo Stadio Ennio Tardini di Parma il 25 marzo 2006 in occasione della gara Parma 1-0 Inter.</ref>