Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
*''Quel vivace tuo talento | Qualche volta un po' incostante, | Che ti fa con bel portento | Presto irata e presto amante. | Ciò che importa? Un genio instabile | Colpa è sol di fresca età: | Non saresti sì adorabile | Senza qualche [[Infedele|infedeltà]]''. (p. 65)
===[[Explicit]]===
''Tal saravvi che dolente | Sempre in atto di morire, | Sempre muto e penitente | Avveleni il tuo [[Gioia|gioire]]. | Norma e legge io prenderò | Dallo stato del tuo viso, | E [[Fedeltà|fedele]] alternerò | Teco il [[Risata e pianto|pianto]] e teco il [[Ridere|riso]]''.
 
{{NDR|Vincenzo Monti, ''Il consiglio'', in ''Poesie varie'', ''Raccolta di poeti classici italiani antichi e moderni'', Milano 1834}}