Differenze tra le versioni di "Abraham ibn ‛Ezra"

Inserisco una citazione; ulteriori categorie tratte dal testo Einaudi. La categoria scrittore forse è ridondante.
m
(Inserisco una citazione; ulteriori categorie tratte dal testo Einaudi. La categoria scrittore forse è ridondante.)
'''Abraham ibn ‛Ezra''' (1092 – 1167), filosofo, astrologo, fisico, grammatico, commentatore biblico, scrittore e poeta ebreo.
 
==Citazioni di Abraham ibn ‛Ezra==
*''La sfera e le costellazioni fisse | si persero per strada quand'io nacqui; | se facessi candele per lavoro | il sole si spegnerebbe solo alla mia morte... | se dovessi commerciare sudari | nessuno più morirebbe finché io vivo!''<ref>itato in [[Norman Solomon]], ''Ebraismo'', edizione italiana a cura di [[Alberto Cavaglion]], traduzione di Luisa Balacco, Einaudi, Torino, 1999, p. 43. ISBN 88-06-14952-0</ref>
*La [[ragione]] è un angelo tra l'uomo e Dio.<ref>Citato in [[Maurice Barrès]], ''El Greco o il segreto di Toledo'', traduzione di Anna Colombo, introduzione di Giampaolo Polvani, Editoriale Viscontea, 1989, Pavia. ISBN 88-7807-008-4</ref>
 
 
{{DEFAULTSORT:Abraham ibn ‛Ezra}}
[[Categoria:Astrologi ebrei]]
[[Categoria:Commentatori biblici ebrei]]
[[Categoria:Filosofi ebrei]]
[[Categoria:Fisici ebrei]]
[[Categoria:Grammatici ebrei]]
[[Categoria:Poeti ebrei]]
[[Categoria:Scrittori ebrei]]