Differenze tra le versioni di "Libertà di pensiero"

nessun oggetto della modifica
m (Annullate le modifiche di 212.117.117.63 (discussione), riportata alla versione precedente di Dispe)
*Il diritto alla libertà di parola significa che un uomo ha il diritto a esprimere le proprie idee senza temere il pericolo della soppressione, dell'interferenza o di azioni punitive da parte dello Stato, ma non significa che altri debbano fornirgli una sala per conferenze, una stazione radiofonica o una tipografia per esprimere tali idee. ([[Ayn Rand]])
*Il diritto di dire e di scrivere quello che penso e il diritto di ascoltare e di leggere quello che pensano gli altri. ([[Roberto Gervaso]])
*Interrogato quale fosse la cosa più bella tra gli uomini, {{NDR|[[Diogene di Sinope]]}} disse: «La libertà di parola». ([[Diogene Laerzio]])
*L'esercizio della libertà di pensiero, di parola, di stampa è di per se stesso un rischio; ma, direi, che è proprio il rischio a dare alla libertà il suo fascino eterno e irresistibile: una libertà senza rischi, infatti, dopo poco tempo diventerebbe abitudine. ([[Alberto Giovannini]])
*L'uomo non fa quasi mai uso delle libertà che ha, come ad esempio della libertà di pensiero; si pretende invece come compenso la libertà di parola. ([[Søren Kierkegaard]])