Apri il menu principale

Modifiche

10 byte aggiunti ,  3 anni fa
m
nessun oggetto della modifica
*Ho paura d'essere stato proprio io, inconsapevolmente e senza accorgermene, a porre i presupposti per la caduta della tirannide, quelle volte che mi incontrai con Dione, allora giovane, e gli dimostrai per via di ragionamento ciò che mi pareva essere il meglio per l'uomo, esortandolo a realizzarlo. (327a)
*{{NDR|In merito alla morte di [[Dionisio I di Siracusa|Dionisio I]] e all'intronizzazione di [[Dionisio II di Siracusa|Dionisio II]]}} Se mai altra volta, certo ora potrà attuarsi la nostra speranza che filosofi e reggitori di grandi città siano le stesse persone. (328a<ref>Traduzione in Bonacasa, Braccesi, De Miro, ''La Sicilia dei due Dionisî'', «L'erma» di Bretschneider, 2002, [https://books.google.it/books?id=YZVFgUgid0QC&pg=PA11 p. 11].</ref>; attribuita a [[Dione]])
*{{NDR|[[Dionisio I di Siracusa]]}} Dopo aver conquistato molte e grandi città della [[Sicilia]] messe a sacco dai barbari, non fu in grado, dopo averle colonizzate, di insediare in ciascuna di esse governi fidati di suoi compagni, né di altri [...] e risultò sette volte più inefficace di [[Dario II di Persia|Dario]], il quale, facendo affidamento non su fratelli o creature sue, ma solo su persone che avevano partecipato alla sottomissione del Medo eunuco, fece una divisione in sette parti, ciascuna più grande della Sicilia [...] con le leggi che promulgò, infatti, ha fatto sì che l'impero persiano si conservasse fino ad oggi. E inoltre anche gli Ateniesi colonizzarono essi stessi molte città greche che avevano subito l'invasione dei barbari, ma le conquistarono già abitate, e tuttavia mantennero l'impero per settant'anni, per essersi assicurati degli amici in ciascuna delle città. Dionisio invece, che aveva riunito in un solo stato tutta quanta la Sicilia, non fidandosi nella sua saggezza di nessuno, a stento riuscì a salvare se stesso. (331e-332c<ref>Traduzione in ''Platone. Tutte le opere'', con un saggio di Francesco Adorno, a cura di Enrico V. Maltese, 2013.</ref>)
*Io, cittadino ateniese, amico di Dione, suo alleato, mi recai dal tiranno per cambiare in amicizia un rapporto di ostilità; combattei contro i calunniatori, ma ne fui sconfitto. Tuttavia, per quanto Dionigi con onori e ricchezze cercasse di tirarmi dalla sua parte per usarmi come prova a favore della legittimità dell'esilio di Dione, in questo fallì miseramente. (333d<ref>Traduzione italiana di Maria Grazia Ciani in ''Platone. Lettere'', Fondazione Lorenzo Valla 2002, p. 103.</ref>)
*Mi recai alla corte del tiranno, io, ateniese, amico di [[Dione]] e suo alleato, per cercare di riportare fra di loro l’amicizia dopo l’ostilità; ma fui sconfitto dalle maldicenze dei calunniatori. Allora [[Dionisio II di Siracusa|Dionisio]], offrendomi onori e ricchezze, cercò di convincermi a passare dalla sua parte, di diventargli amico, dando così testimonianza che l’esilio di Dione era meritato: ma non riuscì nel suo intento. (333d<ref name=":0" />)