Differenze tra le versioni di "Lucio Piccolo"

nessun oggetto della modifica
 
==Citazioni di Lucio Piccolo==
*{{NDR|Sul rapporto con [[Giuseppe Tomasi di Lampedusa]]}} C’era fra di noi una sorta di gara, a chi fosse più abile scopritore di interessanti novità. Ricordo che fu così a proposito del grande poeta Yeats, il grande poeta d’Irlanda che fui io il primo a leggerlo prima ancora di Lampedusa […] E così ci siamo accaparrati tutta la letteratura contemporanea europea, tedesca, francese. Ricordo anzi che fu proprio Lampedusa a introdurre a Palermo, nella Palermo colta, Rilke [...] Poi passarono Joyce, Proust. Di Proust mi ricordo che una volta mi disse "«Sai, c’è uno scrittore francese il quale per fare due passi da lì a qui ci impiega dieci pagine"». La prima immagine che io ho avuto di Proust è stata questa.<ref name=Picco>''[http://www.flaneri.com/2013/01/12/lucio_piccolo_poeta_tra_le_ombre/ Lucio Piccolo, poeta tra le ombre]'', ''Flaneri.com'', 12 gennaio 2013.</ref>
*La casa era quieta, il resto del mondo lontanissimo. Fu così che mi resi conto come per Villa Piccolo passasse un meridiano come a Greenwich. Il meridiano della solitudine.<ref name=Picco/>
*{{NDR|A [[Vincenzo Consolo]]}} Non parta, non vada via. A Milano, con tutti gli altri, rischia di annullarsi. La lontananza, l’isolamento danno più fascino, suscitano interesse e curiosità. <ref name=Conso>''[http://vincenzoconsolo.it/?m=201511 Il barone magico, Vincenzo Consolo]'', ''Vincenzo Consolo.it'', novembre 2015.</ref>
Utente anonimo