Differenze tra le versioni di "Cassandra Clare"

5 990 byte aggiunti ,  4 anni fa
nessun oggetto della modifica
m
*Non si può educare un figlio spingendolo a credere l'opposto di quello che si fa. Non credo che Clary non pensi di poter morire: credo solo che, proprio come sei sempre stata tu, anche lei è convinta che ci siano delle cose per cui valga la pena farlo.
*L'eternità non basta a dimenticare ciò che si è perso, lo rende soltanto sopportabile.
 
=== ''Città del fuoco celeste'' ===
==== [[Incipit]] ====
''Istituto di Los Angeles, dicembre 2007''<br />C'era un tempo magnifico, il giorno in cui i genitori di Emma Carstairs vennero uccisi.<br />D'altronde a Los Angeles era quasi sempre così. Una serena mattina d'inverno, sua madre e suo padre l'avevano lasciata davanti all'Istituto, sulle colline oltre la Pacific Coast Highway dalle quali si godeva una splendida vista dell'oceano. Il cielo era una distesa senza nuvole che si allungava dalle scogliere di Pacific Palisades fino alle spiagge di Point Dume.
 
==== Citazioni ====
*Gli eroi non sempre sono quelli che vincono. Sono quelli che perdono, a volte. Però continuano a combattere, continuano a provarci. Non si arrendono. Ed è questo che fa di loro degli eroi.
*Un tempo erano i migliori servitori di Dio. È quello che succede quando cadi, tutto quello che c'era in te di luminoso diventa oscuro. Quando brillante eri prima, tanto malvagio diventi poi. È una lunga, lunga caduta.
*Dicono che conoscere il proprio nemico sia importante, ma a cosa serve se la sua debolezza è anche la tua?
*Nel corso dell'ultimo secolo, ho avuto modo di osservare da vicino gli Shadowhunters, e lascia che te lo dica: siamo più umani di molti esseri umani. Quando il nostro cuore si spezza, si creano dei frammenti che non è facile rimettere insieme.
*Tutto l'amore è prezioso. È la ragione per cui facciamo quello che facciamo. Perché combattiamo contro i demoni? Perché loro non sono validi custodi di questo mondo? Cosa ci rende migliori? È il fatto che loro non costruiscono, distruggono. Non amano, odiano. Siamo umani e fallibili, noi Shadowhunters, ma se non avessimo la capacità di amare, non potremmo proteggere gli umani; per prenderci cura di loro dobbiamo amarli.
*Le armi, quando vengono rotte e riaggiustate, possono essere più resistenti nei punti di giuntura. Forse con i cuori è lo stesso.
*A volte devi perdere tutto per riconquistarlo, e la riconquista è più dolce del dolore della perdita.
*Le cose che hai fatto sono troppo orrende per essere perdonate, e tu non te ne rendi nemmeno conto! È questo il motivo per cui dico no. È per questo che dico mai. Io non ti perdonerò mai. Non ti amerò mai. ''Mai''.
*Noi Shadowhunters ci mettiamo nei guai a ogni ora di ogni giorno. Credo che a volte verso il nostro cuore siamo incoscienti come lo siamo verso la nostra stessa vita. Quando lo doniamo a qualcuno, lo facciamo senza riserve. E se non riceviamo ciò di cui abbiamo disperatamente bisogno, come viviamo?
*Shadowhunters. Ti entrano nel sangue, sotto la pelle. Io sono stato con vampiri, lupi mannari, fate, stregoni come me... e umani, tanti fragili umani. [...] Ma non sono mai stato ''innamorato'' di uno Shadowhunter, mai prima di Alec. Perché hanno in sé il sangue degli angeli, e l'amore degli angeli è qualcosa di nobile e santo.
*La soggezione va benissimo, ma è veleno per l'amore.
*Non hai mai capito bene che cosa significhi essere un demone, non è vero? Nutrirsi di dolore, certo. Ma che cos'è il dolore? Il tormento fisico, quello è così monotono; qualunque demone da giardino sa provocarlo. Essere ''artisti'' del dolore, creare sofferenza, annerire l'anima, trasformare motivi puri in sudiciume e l'amore in lussuria e poi in odio, ''questa'' è la ragione per cui esistiamo!
*Da quando aveva scoperto che Jonathan era vivo si era chiesta perché sua madre avesse pianto ogni anno nel giorno del suo compleanno. Perché piangeva, se lo aveva odiato? Ma ora lo capiva. Sua madre aveva pianto per quel bambino che non aveva mai avuto, per tutti i sogni che avevano alimentato la sua idea di avere un figlio, la sua idea di come sarebbe stato quel figlio. E aveva pianto per ciò che lo aveva distrutto prima ancora che fosse nato. E così, come Jocelyn aveva fatto per tanti anni, ora Clary stava accanto allo Specchio Mortale e piangeva per il fratello che non avrebbe mai avuto, per il bambino a cui non era mai stata data l'occasione di vivere. E piangeva anche per le vittime della Guerra Oscura, piangeva per sua madre e per la perdita che aveva subito; piangeva per Emma e i Blackthorn, ricordando come avessero ricacciato indietro le lacrime quando aveva detto loro di aver visto Mark nelle gallerie delle fate, ormai membro forzato della Caccia Selvaggia; piangeva per Simon e per il vuoto nel suo cuore là dove lui era sempre stato; e piangeva per se stessa e per com'era cambiata, perché a volte persino cambiare in meglio veniva percepito come una piccola morte.
*C'è qualcosa, nell'avere qualcuno a cui importa tanto di te, che non ti fa mai sentire completamente solo.
*Il mondo non è diviso tra chi è speciale e chi è normale: ciascuno ha il potenziale per essere straordinario. Finché si hanno anima e libero arbitrio si può essere qualsiasi cosa, fare qualsiasi cosa, scegliere qualsiasi cosa.
*Ci sono trecento trilioni di cellule nel corpo umano. E ognuna delle cellule del mio corpo ti ama. Perdiamo cellule e ne sviluppiamo di nuove, e le mie nuove cellule ti amano più delle vecchie, ed è per questo che ti amo ogni giorno più del giorno prima. È scienza. E quando morirò e bruceranno il mio corpo e diventerò cenere che si mescolerà all'aria, alla terra e agli alberi e alle stelle, chiunque respirerà quell'aria o vedrà i fiori che spunteranno da terra o alzerà lo sguardo alle stelle ti ricorderà e ti amerà, perché è ''così'' che io ti amo.
*I fantasmi sono ricordi, e noi li conserviamo perché coloro che amiamo non lascino il mondo.
*Ci sarà sempre chi vorrà dirti che quello che sei dipende dal tuo nome o dal sangue che ti scorre nelle vene. Non lasciare che gli altri decidano chi sei. Decidilo da sola.
*Tutti noi siamo i frammenti di ciò che ricordiamo. Racchiudiamo in noi le speranze e le paure di coloro che ci amano. Finché ci sono l'amore e il ricordo, non ci sono vere perdite.
*Meglio amare e avere paura che non provare nulla. È come se ci pietrificassimo.
 
== ''Shadowhunters – Le origini'' ==
445

contributi