Differenze tra le versioni di "Lotto"

1 903 byte aggiunti ,  5 anni fa
+6
m (sistemo)
(+6)
__NOTOC__
{{voce tematica}}
[[File:Kupony Lotto.jpg|thumb|Schedine del lotto]]
Citazioni sul '''lotto'''.
 
*Ggesù chìste só nnùmmere!<ref>«Gesù questi sono numeri!» Queste sono cose da pazzi (talmente fuori dalla norma che sarebbe il caso di giocare al lotto)!</ref> ([[modi di dire napoletani|modo di dire napoletano]])
*Il popolo napoletano, che è sobrio, non si corrompe per l'acquavite, non muore di ''delirium tremens''; esso si corrompe e muore pel lotto. Il lotto è l'acquavite di Napoli. ([[Matilde Serao]])
*'''Lotto'''. ''Per parte, per porzione'' di un tutto, attribuita a sorte, e distribuita fra più persone, è gallicismo ripreso dai puristi, sancito dall'uso; fr. ''lot'', voce di origine germanica. I puristi accettano ''lotto'' nel senso di ''[[lotteria]]'', cioè di quella speculazione statale, che fu denominata anche la ''tassa su gli imbecilli''. Questo giuoco pare di origine italiana e, più precisamente, [[Genova|genovese]]. || ''Lotto di cavalli'', e sim. dicesi esclusivamente per ''gruppo di cavalli'' e sim. ([[Alfredo Panzini]])
*Sebbene il lotto, introdotto a [[Napoli]] nel 1682 dai viceré spagnuoli, non esistesse ai suoi tempi, si è convinti che [[Ignazio di Loyola]] abbia manipolato e manipoli ancora, per mezzo dei suoi discendenti, la forza magica dei numeri. Ogni gesuita conosce la ''regola segreta'' e potrebbe arricchire a suo piacimento la gente povera, ma egli tace e tiene per sé la sua scienza. Perciò il gesuita, tacciato di cattiveria e d'egoismo, è abbastanza odiato nel Basso Porto e a Santa Lucia. ([[Marcellin Pellet]])
*Stavo seduto sul divano di casa mia come un clandestino sulla valigia, senza un santo al quale potermi votare, e di tutti i sogni e i progetti di una vita, lo sai quale mi era rimasto? Un fascio di scontrini del lotto. ([[Diego Cugia]])
*{{NDR|A Napoli}} Un incidente qualunque fornisce immediatamente dei numeri per giocare al lotto. Un vaso da fiori è caduto in testa ad una passante: i testimoni, dopo averla soccorsa, vanno a giocare 17 (disgrazia), 21 (ad una donna), 34 (sulla testa). ([[Roger Peyrefitte]])
 
===''[[I Simpson]]''===
*– Figliolo, se desideri ardentemente qualcosa in questa vita, devi lavorare per ottenerla! ...Ora silenzio, stanno per annunciare i numeri del lotto!<br />– Diciassette.<br />– D'oh!<br />– Trentadue.<br />– D'oh!<br />– Cinque.<br />– D'oh!<br />– Otto.<br />– Uh!<br />– Quarantasette.<br />– D'oh! ([[I Simpson (quarta stagione)|quarta stagione]])
*Il lotto di stato. Dove vincono tutti. L'effettiva probabilità di vincita è di una su 380 milioni. ([[I Simpson (terza stagione)|terza stagione]])
*L'intero stato è improvvisamente in preda alla febbre del lotto e Spingfield non fa eccezione. Infatti ogni copia de ''Il lotto''<ref>{{Cfr}} [[:w:it:La lotteria|La lotteria]].</ref> di [[Shirley Jackson]] è stato preso in prestito dalla biblioteca pubblica di Springfield. Naturalmente il volume non contiene alcun cenno su come vincere al lotto, piuttosto è un racconto agghiacciante sul conformismo impazzito. {{NDR|Homer, deluso, getta la sua copia de ''La lotteria'' nel fuoco del camino}} ([[I Simpson (terza stagione)|terza stagione]])
 
==[[Proverbi italiani]]==
*Chi dal lottoLotto spera soccorso, mettemetta il pelo come un [[orso]]. ([[proverbi toscani|toscano]])
*Chi gioca al lotto, è un gran merlotto.
*Chi gioca al lotto, in rovina va di botto.
*Il lotto è un inganno continuo.
*Vincere un ambo al lotto è un malefizio, che più accresce la [[speranza]] al [[vizio]].
 
==Note==
<references />
 
==Voci correlate==