Differenze tra le versioni di "Jean Cocteau"

m
+wikilink
m (+wikilink)
m (+wikilink)
*È indubbio che, se il nostro secolo ha uno specchio della sua vita psicologica, questo specchio è lo [[sport]]. <ref>Citato in ''Focus'' N. 88, pag.106</ref>
*Ho avuto la fortuna di vedere Radiguet scrivere il suo libro come un compito, durante le vacanze del 1921. Lo dico perché questo ragazzo prodigio stupisce per la sua mancanza di mostruosità. [[Arthur Rimbaud|Rimbaud]] può venir spiegato dai suoi incubi infantili. Mi domando dove ficca le mani codesto prestigiatore. Radiguet lavora in pieno giorno con le maniche rimboccate. Rimbaud soddisfa l'idea drammatica, breve e folgorante, che la gente si fa del genio. Radiguet ha avuto la fortuna di nascere dopo l'epoca in cui una luce opaca attraeva il fulmine. Egli ci sorprende dunque per la sua scipitezza. Sono molti a esprimersi in tal modo. Il foglio trasparente dello scandalo c'impedisce ancora di ammettere che alla nostra epoca l'anarchia si presenti sotto forma di colomba. (in una conferenza del 3 maggio 1923; citato in [[Roberto Rossi Precerutti]], ''[[Raymond Radiguet]]. Le guance in fiamme'', ''Poesia'', Anno XII, marzo 1999, Crocetti Editore)
*Il [[tatto (qualità)|tatto]] nell'audacia, è sapere fino a che punto ci si può spingere troppo avanti. (da ''Il richiamo all'ordine'')
*''Mio caro Andrè,<br/>Mi avete rimproverato un giorno di essere troppo teso, di non saper lasciarmi andare con noncuranza, e, come esempio di noncuranza, citavate con noncuranza una mia nota del'' «Gallo e l'Arlecchino», ''nella quale descrivevo il primo jazz-band. <br/>Ci avete anche insegnato a viaggiare.<br/>Dopo questi appunti di viaggio, che vi offro con cuore fedele, non potrete più rimproverarmi d'essere incapace di facile abbandono''. '''J. C.''' (dedica a [[Andrè Gide]], da ''Il mio primo viaggio'')
*Nel ''Diavolo in corpo'' la pianta misteriosa che fu [[Raymond Radiguet|Radiguet]] racconta il segreto delle proprie origini. Nel ''Ballo del conte d'Orgel'', essa fiorisce. E il suo profumo è parola. (citato in Roberto Cantini, introduzione a Raymond Radiguet 1975)