Differenze tra le versioni di "Gaio Lucilio"

m
sistemo
(fix link)
m (sistemo)
 
*Gli [[dio|dèi]] discutevano sui grandi [[problema|problemi]] degli [[uomo|uomini]]... come Giove potesse salvare ancora il [[popolo]] e la [[città]] di [[Roma]]... e, se non più a lungo, prolungarne l'[[esistenza]] almeno di un cinquennio... e in qual modo potesse attuare il proposito e salvare le mura. (1968)
:''Consilium summis hominum de rebus habebant...<br />| quo populum atque urbem pacto servare potisset<br />| amplius romanam...<br />| si non amplius, at lustrum protolleret unum...<br />| munus tamen fungi et muros servare potisset.''
 
*'''Quirino''': O cittadini dei cieli, vorrei, al concilio che voi dite<br />| di aver tenuto qui un tempo, – a quel concilio, vorrei essere stato presente!
:'''''Quirinus''': Vellem concilio vestrum, quod dicitis olim,<br />| caelicolae, hic habitum, – vellem adfuissemus priore<br />| concilio.'' (20-22 Warmington)
 
*Quando così ebbe [[parola|parlato]], [[tacere|pose fine al suo dire]]. (2003)
 
*'''Apollo''': Non c'è nessuno di noi che non sia o l'ottimo padre degli déi o il padre Nettuno o il padre Libero o il padre Saturno o il padre Marte, Giano, Quirino, e non venga chiamato con questo nome. (1968)
:'''''Apollo''''': ''Nemo sit nostrum quin aut pater optimus Divum,<br />| aut Neptunus pater, Liber, Saturnus pater, Mars,<br />| Ianus, Quirinus pater siet ac dicatur ad unum.''
 
*'''Dio 1''': Che aspetto ha l'uomo, com'é l'espressione del volto?<br />| '''Dio 2''': Il [[volto]] è così come l'aspetto: il resto è [[morte]], [[malattia]], [[veleno]].<br />| '''Dio 3''': Li farò venire a cena, e agli intervenuti per prima cosa<br />| darò a ciascuno ventresche di tonno e filetti di branzino.<br />| '''Dio 4''': Ti uccidono, Lupo, sardelle e salsa di [[pesce siluro]]. (2003)
:'''''Deus I''''': ''Quae facies, qui vultus viro?'' (43 Marx)<br />| '''''Deus II''''': ''Vultus item ut facies, mors cetera, morbus venenum.'' (44 Marx)<br />| '''''Deus III''''': ''Ad cenam adducam, et primum hisce abdomina tunni<br />| advenientibus priva dabo cephalaeaque acarnae.'' (49-50 Marx)<br />| '''''Deus IV''''': ''Occidunt, Lupe, saperdae te et iura''<ref>''Iura'': Con significato di «salse», non di «leggi». ([[Francesco Della Corte]]).</ref>'' siluri.'' (54 Marx)
 
===Libro VII===
 
*Mi rado, mi depilo, mi striglio, mi liscio, mi agghindo, mi fo [[bellezza|bello]], mi trucco... (2005)
:''Rador, subvellor, desquamor, pumicor, ornor,<br />| expolior, pingor...'' (1830)
 
===Libro IX===
 
*Tu non conosci l'esatto significato di «[[poesia]]», né che differenza passi fra «poesia» e «[[poema]]». Incominciamo da quello che noi chiamiamo «poema»: [...] «poema» è anche una qualsivoglia [[lettera]] non lunga; «poesia» invece è un'[[opera d'arte|opera]] considerata nel suo complesso (una composizione unica nel suo complesso come l'[[Iliade]], come gli annali di [[Quinto Ennio|Ennio]]) ed è un'opera unica, ed è molto più ampia, come ho già detto, di un poema. Perciò dico: chi vuol criticare [[Omero]] non è che lo critichi tutto, e neppure critica ciò che ho chiamato prima la sua «poesia»; ne critica un verso solo, una [[parole|parola]], un concetto, un passo isolato. (1968)
:''Non haec quid valeat, quidve hoc intersiet illud<br />| cognoscis. Primum hoc, quod dicimus esse poema [...<br] />| [...] Epistula item quaevis non magna poema est.<br />| Illa poesis opus totum, (tota Ilias una<br />| est, una ut thesis''<ref name=gr>Lucilio, abusando di termini greci, attira contro di sé gli strali di [[Quinto Orazio Flacco|Orazio]].</ref>'' annales Enni) atque opus unum<br />| est, maius multo est quam quod dixi ante poema.<br />| Qua propter dico: nemo qui culpat Homerum,<br />| perpetuo culpat, neque quod dixi ante poesin;<br />| versum unum culpat, verbum, entymema''<ref name=gr/>'', locum unum.''
 
===Libro XXII===
 
*Un [[servitù|servo]] che di certo non fu poco [[fedeltà|fidato]] né poco [[utile]] al [[padrone]]<br />| è qui sepolto: il piccolo pilastro della [[casa]] di Lucilio, Metrofane. (1996)
:''Servus neque infīdus neque inutilis quaquam<br />| &#09;Lucili columella hic situs Metrophanes.'' (vv. 581s. Krenkel)
 
===Libro XXVI===
 
*Che io debba diventare un pubblicano dell'Asia, un esattore di imposte, invece che [[essere]] Lucilio, questo io non lo [[volontà|voglio]], e al posto di questa cosa sola non vorrei in cambio tutto l'[[oro]] del [[mondo]]. (2005)
:''Publicanus vero ut Asiae fiam, ut scripturarius<br />| pro Lucilio, id ego nolo, et uno hoc non muto omnia.'' (671-672 Marx)
 
*Qui è tormentata dalla [[fame]],<br />| dal freddo, dalla sporcizia, dalla mancanza di bagni, lavacri e cure. (1996)
:''Hic cruciatur fame,<br />| frigore, inluvie, inbalnitie, inperfunditie, incuria.'' (vv. 620s. Krenkel)
 
===Libro incerto===
 
*Ora dalla [[mattina]] presto a tarda [[notte]], nei [[giorno|giorni]] di festa e di [[lavoro]], tutto il [[popolo]] e i senatori, senza distinzione, si agitano per il fòro, e non se ne vanno mai; tutti si sono dedicati a un'unica [[attività]], a un'unica [[arte]]: riuscire a imbrogliarsi senza darlo a vedere, combattersi con la [[inganno|frode]], gareggiare in [[complimento|complimenti]], fingersi galantuomini, tendersi trabocchetti, come se fossero tutti [[nemico|nemici]] l'uno dell'altro. (2005)
:''Nunc vero a mani ad noctem, festo atque profesto,<br />| totus item pariterque die populusque patresque<br />| iactare indu foro se omnes, decedere nusquam,<br />| uni se atque eidem studio omnes dedere et arti,<br />| verba dare ut caute possint, pugnare dolose,<br />| blanditia certare, bonum simulare virum se,<br />| insidias facere, ut si hostes sint omnibus omnes.''<ref>Cfr.: [[Thomas Hobbes]], ''De cive'', 1, 12.</ref> (1228-1234 Marx)
 
*'''Quinto Muzio Scevola Augure''': O Albucio, tu hai preferito essere detto [[Grecia|greco]], invece che [[Roma|romano]] o sabino, concittadino di Ponzio<ref>Cittadino di probabili origini sannitiche.</ref>, di Tritano<ref>Uomo di forza erculea, di probabili origini sannitiche.</ref>, concittadino di [[w:Centurio|centurioni]], di uomini insigni, di [[w:Primus pilus|primipili]] e di [[w:Signifer|alfieri]]. Perciò ad [[Atene]], al [[tempo]] che ero [[w:pretore (storia romana)|pretore]], visto che tu lo preferivi, quando ti sei presentato a me, ti ho [[saluto|salutato]] in [[lingua greca|greco]]: «Chaere, o Tito.». E i [[w:Littore|littori]] e tutta la [[w:Coorte|coorte]] e la folla: «Chaere, o Tito.». Fu da quel momento che Albucio mi divenne [[nemico]], da allora mi fu avversario. (1968)
:'''''Quintus Mucius Scaevola Augur''''': ''Graecum te, Albuci, quam Romanum atque Sabinum,<br />| municipem Ponti, Tritani, centurionum,<br />| praeclarorum hominum ac primorum signiferumque,<br />| maluisti dici. Graece ergo praetor Athenis,<br />| id quod maluisti, te, cum ad me accedis, saluto:<br />| «Chaere''<ref name=gr/>'', – inquam – Tite!». Lictores, turma omnis chorusque:<br />| «Chaere, Tite!», hinc hostis mi Albucius, hinc inimicus.'' (89-95 Krenkel)
 
*Quello che hai è quello che tu sei,<br />| quello che sei stimato. (2003)
:''Tantum habeas, tantum ipse sies tantique habearis.'' (1120 Marx)
 
*[[Virtù]], o Albino, è l'[[essere]] capaci di dare il giusto prezzo<br />| alle cose in mezzo a cui ci troviamo;<br />| virtù è [[sapienza|sapere]] ciò che per un [[uomo]] comporti ogni cosa;<br />| virtù è sapere che cosa per un uomo sia [[Giustizia|retto]], [[utile]], [[bellezza|bello]],<br />| che cosa sia [[bene]]; e poi che cosa sia [[male]], che cosa non [[utile]], vergognoso, brutto;<br />| [[virtù]] è sapere qual è il [[limiti|limite]] e la misura nel cercare il guadagno;<br />| virtù è l'essere capaci di attribuire alle [[ricchezza|ricchezze]] il loro prezzo;<br />| virtù è dare agli [[onore|onori]] ciò che effettivamente ad essi si deve,<br />| essere [[nemico]] e avversario delle persone e dei comportamenti [[male|cattivi]],<br />| e, al contrario, essere difensore delle persone e dei comportamenti [[bene|buoni]];<br />| di questi far gran conto, a questi voler bene, con questi [[vivere]] in [[amicizia]];<br />| è inoltre mettere al primo posto gli [[interesse|interessi]] della [[patria]],<br />| quindi quelli dei [[genitori]], al terzo poi e ultimo posto i nostri. (1996)
:''Virtus, Albine, est pretium persolvere verum<br />| quis in versamur, quis vivimus rebus, potesse,<br />| virtus est homini scire id quod quaeque habeat res,<br />| virtus scire homini rectum, utile quid sit, honestum,<br />| quae bona, quae mala item quid inutile, turpe, inhonestum,<br />| virtus quaerendae finem re scire modumque,<br />| virtus divitiis pretium persolvere posse,<br />| virtus id dare quod re ipsa debetur honori,<br />| hostem esse atque inimicum hominum morumque malorum<br />| contra defensorem hominum morumque bonorum,<br />| hos magni facere, his bene velle, his vivere amicum,<br />| commoda praeterea patriai prima putare,<br />| deinde parentum, tertia iam postremaque nostra.'' (vv. 1342-1354 Krenkel)
 
===Attribuite===
{{interprogetto}}
 
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Poeti romani|Lucilio, Gaio]]}}
[[Categoria:Poeti romani]]