Differenze tra le versioni di "Eve Ensler"

m
wlink
(wikilink)
m (wlink)
* ''Non voglio imparare a sparare. | Vado in galera. | Rifiuto di indossare l'uniforme dell'esercito/prigione. | Mi mettono in isolamento. | Non dico quanto questo mi terrorizza. | Ogni notte | una ragazza della mia età, sui diciott'anni, | entra nella mia cella. | Ha la testa rasata. | È nuda e affamata. | Vuole farmi sapere qualcosa. | Poi si sente soffocare. | Le sue mani ossute | artigliano il muro. | Non capisco se è un sogno | o un ricordo. | Che mi ossessiona | o mi libera.'' (p. 108)
* REGOLA 8. NESSUNO PUÒ TOGLIERTI NULLA SE NON SEI TU A DARGLIELA (p. 115)
* ''Io ballo nel cerchio di tutti quei popoli | Io ballo per dire sì alla mia cultura | Io ballo perché mia nonna | e mio nonno me l'hanno insegnato | Io ballo per non dimenticare | Io ballo perché in me c'è un uccello | A volte è un uccello lento nel mio corpo | A volte è rapido | come una [[ghiandaia azzurra americana|ghiandaia azzurra]] | Non puoi fermarne una | nemmeno se cerchi di ammazzarla | Punta un fucile contro una ghiandaia azzurra | Volerà via veloce | Oltre la tua portata'' (p. 116)
* ''Siamo tutte quelle che hanno dovuto rinunciare a mariti fidanzati e corteggiatori | perché abbiamo sposato la nostra missione. | Sappiamo che l'amore arriva da ogni direzione e in varie forme. | Siamo Malalai Joya, che ha risposto ai membri della Loya Jirga afghana | chiamandoli "signori della guerra e razziatori" e che | ha continuato a parlare anche quando loro hanno tentato di far saltare in aria la sua casa. | E siamo Zoya, che dopo l'omicidio della madre uccisa | per le sue idee radicali quando lei era bambina | si è nutrita di [[rivoluzione]], che è più forte del latte.'' (p. 122)
* ''E siamo quelle che hanno temuto e amato i propri figli | anche se hanno il volto di chi le ha violentate. | Siamo le ragazze che hanno smesso di tagliarsi per sfogare il proprio dolore | E siamo le ragazze che non hanno voluto farsi togliere il clitoride e rinunciare al piacere. | Siamo: | Rachel Corrie, che non ha voluto/potuto sfuggire al bulldozer israeliano. | [[Aung San Suu Kyi]], che sorride ancora dopo anni di reclusione nella propria stanza. | [[Anna Frank]], che sopravvive perché ha scritto la propria storia. | E siamo Neda Soltani, uccisa da un cecchino per le strade di Teheran mentre invocava una nuova libertà e un nuovo corso.'' (p. 122)