Differenze tra le versioni di "Augustin-Louis Cauchy"

m
sistemo
m (fix)
m (sistemo)
'''Augustin-Louis Cauchy''' (1789 – 1857), matematico francese.
 
==Citazioni di Augustin-Louis Cauchy==
*{{NDR|Le sue [[ultime parole]]}} Gli uomini [[morte|muoiono]], ma i loro atti restano. (citato in H. Eves, ''Mathematical Circles Revisited'')
*L'interesse più importante delle scienze, non eccettuate quelle che sembrano più estranee alla [[Religione]], consiste nel congiungersi come tanti rami all'albero divino, il quale è l'unico che possa dar loro vita e fecondità. (da ''Alquante parole rivolte agli uomini di buon senso e di buona fede''<smallref>(Citato in Umberto Bottazzini, ''Va' pensiero'', Il Mulino, 1994, pagp. 56).</smallref>)
* [...] Perciòperciò possiamo essere convinti che ci sono verità diverse da quelle della geometria e ci sono realtà diverse da quelle degli oggetti sensibili. Coltiviamo dunque il nostro fervore per le scienze matematiche senza sorpassare la loro vera portata. Sarebbe inimmaginabile che si possano affrontare i problemi storici con formule matematiche, oppure la conferma dei principi della morale mediante teoremi di algebra e calcolo. (citato in J.A. Gonzalo, ''Pionieri della scienza'')
*Se non ammettiamo l'esistenza di [[Dio]] come cristiani, dobbiamo ammetterla come [[matematico|matematici]]. {{da controllare|Priva di fonte}}
*Sarebbe un errore pensare che si può trovare certezza soltanto nelle dimostrazioni geometriche o nella testimonianza dei sensi. (citato in J.A. Gonzalo, ''Pionieri della scienza'')
* [...] Perciò possiamo essere convinti che ci sono verità diverse da quelle della geometria e ci sono realtà diverse da quelle degli oggetti sensibili. Coltiviamo dunque il nostro fervore per le scienze matematiche senza sorpassare la loro vera portata. Sarebbe inimmaginabile che si possano affrontare i problemi storici con formule matematiche, oppure la conferma dei principi della morale mediante teoremi di algebra e calcolo. (citato in J.A. Gonzalo, ''Pionieri della scienza'')
 
==''Première Leçon: discours d'ouverture''==
*Se chiedessi a chiunque sia trasportato da tale generalizzato impulso dei sensi, quale sia il fine delle sue angosciose ricerche, la risposta sarebbe, senza ombra di dubbio: la conquista della verità. Infatti, non è forse per raggiungere la verità che ci si immerge nelle polverose biblioteche per conoscere, in ogni dettaglio, le leggi dei popoli antichi, per rettificare qualche data, ovvero per assodare fatti da poter aggiungere alle prove dell'esistenza dei secoli passati?
*Sì, senza dubbio, Signori, la ricerca della verità deve essere il fine ultimo di ogni scienza.
 
==''Alquante parole rivolte agli uomini di buon senso e di buona fede''==
*L'interesse più importante delle scienze, non eccettuate quelle che sembrano più estranee alla [[Religione]], consiste nel congiungersi come tanti rami all'albero divino, il quale è l'unico che possa dar loro vita e fecondità. <small>(Citato in Umberto Bottazzini, ''Va' pensiero'', Il Mulino 1994, pag. 56)</small>
 
==Bibliografia==
*Augustin-Louis Cauchy, ''Sept Lecons de Physique générale faites à Turin en 1833'', (Gauthier Villars, Paris 1885), Première Leçon: discours d'ouverture. Traduzione dal francese a curatraduzione di Carlo Marino.
*Augustin-Louis Cauchy, ''Alquante parole rivolte agli uomini di buon senso e di buona fede'', Modena, 1834, traduzione di Gabrio Piola, Modena, 1834.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w|commons=Category:Augustin Louis Cauchy}}
 
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Matematici francesi|Cauchy, Augustin-Luois]]}}
[[Categoria:Matematici francesi]]