Differenze tra le versioni di "Neal Barnard"

911 byte aggiunti ,  5 anni fa
nessun oggetto della modifica
m
*Parlare col dottor [[Benjamin Spock|Spock]] novantenne era come conversare con un giovanotto pronto a lanciarsi in nuove avventure. Aveva una vasta cultura, un'indole generosa e una determinazione che non l'abbandonavano mai. Mentalmente lucido ogni singolo giorno della sua vita, il dottor Spock ci ha lasciati poco prima del suo novantacinquesimo compleanno. (p. 104)
*Ayumu è uno [[scimpanzé]]. Nello studio del dottor Tetsuro Matsuzawa, Ayumu se la vede con frotte di studenti universitari e chiunque osi sfidarlo. Ciò che il dottor Matsuzawa sa, e che ora sanno tutti gli scienziati, è che gli scimpanzé sono molto più bravi degli esseri umani in questi test di memoria, e nessuno batte Ayumu. Allo stesso modo, i cani captano odori e suoni ben al di là del raggio sensoriale degli esseri umani, gli [[storno|storni]] coordinano il loro volo millisecondo per millisecondo e gli scimpanzé hanno le proprie eccellenze neuropsicologiche capaci di farci fare la figura dei principianti. (p. 117)
*L'[[esercizio fisico]] fa bene a molti organi, tra cui il cervello. Quando il cuore comincia a pompare, immaginati tutto quel sangue e quell'ossigeno salire al cervello per togliere le ragnatele e ringiovanire i neuroni. (p. 118)
*L'ippocampo, vale a dire la struttura cerebrale più importante per la memoria, beneficia di qualsiasi esercizio che metta in attività il cuore. E questo è vero a prescindere dall'età. Con il passare degli anni, chi fa [[ginnastica]] corre molti meno rischi di sviluppare l'Alzheimer o di avere un ictus rispetto a chi predilige la poltrona. (p. 118)
*L'esercizio fisico è come un antibiotico. Una singola dose non serve granché. Ma se lo assumi con regolarità, è proprio la cura di cui hai bisogno. (p. 128)
*La ginnastica è un [[antidepressivo]] naturale. Alcuni studi dimostrano che il suo effetto è quasi sovrapponibile a quello dei farmaci antidepressivi. (p. 132)
*Abbiamo conosciuto persone sconfitte dal fallimento di un [[dieta|regime alimentare]] dopo l'altro, solo per scoprire che la causa del fallimento era intrinseca in quelle diete mal progettate, non in se stessi, e che concentrandosi sugli alimenti veramente sani potevano raggiungere risultati inimmaginabili. (p. 165)
*Quando cominciai a prendere le distanze da una dieta a base di carne, optando per una a base vegetale, ebbi l'impressione che mi si stessero spalancando per la prima volta le porte del giardino delle delizie. (p. 166)