Differenze tra le versioni di "Frankenstein (film 1931)"

m
divido frasi e dialoghi, refusi
(amplio)
m (divido frasi e dialoghi, refusi)
Buonasera. Il signor Carl Laemmle ritiene che non sia opportuno presentare questo film senza due parole di avvertimento: stiamo per raccontarvi la storia di Frankenstein, un eminente scienziato che cercò di creare un uomo a sua immagine e somiglianza, senza temere il giudizio divino. È una delle storie più strane che siano mai state narrate, tratta dei due grandi misteri della creazione: la vita e la morte. Penso che vi emozionerà, forse vi colpirà, potrebbe anche inorridirvi! Se pensate che non sia il caso di sottoporre a una simile tensione i vostri nervi, allora sarà meglio che voi... be', vi abbiamo avvertito! ('''Annunciatore''')
 
==CitazioniFrasi==
{{cronologico}}
 
*Abbiate pietà di lui, o Signore, e accogliete la sua anima nel regno dei cieli nei secoli dei secoli. Amen. ('''Sacerdote''') {{NDR|[[elegie funebri dai film|elegia funrebrefunebre]]}}
 
*Sta riposando nell'attesa di una nuova vita. ('''Dr. Frankenstein''') {{NDR|riferendosi al cadavere che ha appena riesumato}}
 
*[...] è il cervello di un morto che aspetta di rivivere in un corpo che ho creato con le mie mani... con queste mie mani! ('''Dr. Frankenstein''')
 
*'''Dr. Frankenstein''': Dott Valdman, io ho imparato molto da lei all'università, i raggi ultravioletti sono raggi che, lei diceva, rappresentano l'ultimo colore dello spettro. Be', si sbagliava. Qui, grazie alle mie macchine, io sono andato ben oltre. Ho scoperto il grande raggio che in principio creò la vita in questo mondo. <br> '''Dr. Waldman''': Ah sì? e le prove? <br> '''Dr. Frankenstein''': Questa notte avrà le sue prove! All'inizio ho condotto esperimenti sul corpo di animali, in seguito su un cuore umano che ho tenuto in vita per tre settimane, ma adesso io concentrerò il mio raggio sopra quel corpo, e gli infonderò la vita. <br> '''Dr. Waldman''': E lei davvero crede di poter ridare la vita ad un cadavere? <br> '''Dr. Frankenstein''': Si sbaglia, quel corpo non è un cadavere, quel corpo non ha mai vissuto, l'ho creato io dal niente. L'ho fatto io con le mie stesse mani, con i corpi che ho sottratto dalle tombe, dalle forche, dappertutto!
 
*Guardate, si sta muovendo! Si sta muovendo! Guardate! È... è vivo! È vivo! È vivo! È vivo! È vivo! È vivo! È vivo! È vivo! È vivo! {{NDR|risata malefica e tuono in sottofondo}} ('''Dr. Frankenstein''')
:''- Look! It's moving. It's alive. It's alive... It's alive, it's moving, it's alive, it's alive, it's alive, it's alive, it's alive!<ref>Dopo un sondaggio tenuto negli USA nel 2005 dall'[[w:American Film Institute|American Film Institute]], che è andato a comporre l'''[[w:AFI's 100 Years... 100 Movie Quotes|AFI's 100 Years... 100 Movie Quotes]]'', questa citazione è stata inserita al quarantanovesimo posto nella classifica AFI delle cento battute più celebri della storia del cinema.</ref><br>- Henry, in the name of God!<br>- Oh, in the name of God! Now I know what it feels like to be God!''<ref>Questa parte della frase venne censurata prima da alcuni gruppi religiosi e poi dal [[:w:Codice Hays|Production Code Office]] nel 1937, coprendola con il rombo di un tuono. Non è stata mai doppiata in italiano.</ref>
 
*'''Domestica''': Mi scusi tanto, signor barone, c'è il borgomastro.<br>'''Barone Frankenstein''': Va bene, ditegli di andarsene.<br>'''Domestica''': Ma dice che è importante!<br>'''Barone Frankenstein''': Niente di quello che il borgomastro dice può avere un che di importante!
 
*"Pericolosa"? Povero professore... Lei non ha mai desiderato fare qualcosa di "pericoloso"? Dove saremmo, se nessuno cercasse di scoprire cosa c'è aldilà? Non ha mai desiderato di guardare oltre le nuvole, le stelle o di scoprire che cosa fa fiorire gli alberi? E cosa trasforma in luce l'oscurità? Ma se uno parla così, la gente dice che è un pazzo. Ebbene, se potessi scoprire anche una sola di queste cose, che cos'è l'eternità per esempio, non mi importerebbe niente se tutti pensassero che sono pazzo. ('''Dr. Frankenstein''')
*"Martedì, ore 19 e 30. Aumenta la resistenza all'anestetico. Necessarie dosi più massicce e più frequenti. Eseguirò subito dissezione corpo." ('''Dr. Waldman''') {{NDR|[[Ultime parole di personaggi immaginari|ultime parole]] scritte prima che il mostro lo strangoli}}
 
*Questo è un [[brindisi dai film|brindisi]] per un figlio della famiglia Frankenstein. Evviva lo sposo! Un lieto brindisi in onore del giovane Frankenstein! ('''Barone Frankesntein''') {{NDR|brindando col vino alla festa di nozze del Dr. FrankesnteinFrankenstein ed Elizabeth}}
 
*L'ho fatta con queste mani e con queste stesse mani devo distruggerla! ('''Dr. Frankenstein''') {{NDR|riferendosi alla creatura}}
 
==Dialoghi==
{{cronologico}}
 
*'''Dr. Frankenstein''': Dott Valdman, io ho imparato molto da lei all'università, i raggi ultravioletti sono raggi che, lei diceva, rappresentano l'ultimo colore dello spettro. Be', si sbagliava. Qui, grazie alle mie macchine, io sono andato ben oltre. Ho scoperto il grande raggio che in principio creò la vita in questo mondo. <br> '''Dr. Waldman''': Ah sì? e le prove? <br> '''Dr. Frankenstein''': Questa notte avrà le sue prove! All'inizio ho condotto esperimenti sul corpo di animali, in seguito su un cuore umano che ho tenuto in vita per tre settimane, ma adesso io concentrerò il mio raggio sopra quel corpo, e gli infonderò la vita. <br> '''Dr. Waldman''': E lei davvero crede di poter ridare la vita ad un cadavere? <br> '''Dr. Frankenstein''': Si sbaglia, quel corpo non è un cadavere, quel corpo non ha mai vissuto, l'ho creato io dal niente. L'ho fatto io con le mie stesse mani, con i corpi che ho sottratto dalle tombe, dalle forche, dappertutto!
 
*'''Domestica''': Mi scusi tanto, signor barone, c'è il borgomastro.<br>'''Barone Frankenstein''': Va bene, ditegli di andarsene.<br>'''Domestica''': Ma dice che è importante!<br>'''Barone Frankenstein''': Niente di quello che il borgomastro dice può avere un che di importante!
 
==[[Explicit]]==
{{explicit film}}
 
{{NDR|il barone esce dalla camera di Henry e vede fuori dalla porta le domestiche con una bottiglia di vino}}<br>'''Barone Frankenstein''': Cosa c'è? Perché questo affollamento? Che avete architettato, eh? Cosa significa?<br>'''Domestica''': Col suo permesso signor barone, pensiamo che al signor Henry possa fare bene un sorso del vino della sua bisononnabisnonna.<br>'''Barone Frankenstein''': Una signora davvero in gamba mia nonna. È stata molto previdente nell'aver proibito a mio nonno di berlo. {{NDR|chiude la porta}} Il signor Henry non ne ha bisogno. L'ho giù detto ieri e oggi lo ripeto di nuovo: io brindo... brindo ad un figlio della famiglia dei Frankenstein!<br>'''Domestiche''' {{NDR|in coro}}: Alla salute dei Frankenstein!
 
==Citazioni su ''Frankenstein''==
*Prodotto da Carl Laemmle Jr. per la Universal, il film cancella quasi completamente le tracce della mediazione teatrale grazie alla sceneggiatura e soprattutto alla regia inventiva e figurativamente raffinata dell'inglese J. Whale. Oltre a lasciare il suo segno sul copione (è sua l'idea del mulino), scelse il compatriota B. Karloff per la parte del mostro e ne affidò il trucco a Jack Pierce. Il suo modo fluido di far muovere la cinepresa, insolito nel 1931 che valorizza le scenografie e i comportamenti dei personaggi e crea un'atmosfera di morbosa suggestione, impressionò il pubblico e sottrasse il film all'usura del tempo. Le sequenze da citare sono numerose: i funerali d'apertura; la nascita della "creatura" con il suo motivo ascensionale; l'incontro con la bambina; la folla dei contadini con le fiaccole; l'incendio conclusivo. Come nel romanzo di Mary Shelley, la colpa (il peccato) di Frankenstein non è di aver sfidato Dio nel creare la vita, ma nell'emularlo e nel competere con lui come padrone assoluto della "creatura". Lo dimostra la delicata sequenza in cui nella camera dove il suo creatore l'ha rinchiuso penetra un raggio di sole, accolto dal "mostro" con un mezzo sorriso. Immediatamente Frankenstein gli toglie la luce, ossia, simbolicamente, ogni conoscenza che non venga da lui. Il vero crimine di Frankenstein è contro la società. (''[[il Morandini]]'')
*Girato con uno stile spoglio e fluido (cosi da lasciare molto spazio alla scenografìascenografia e conseguentemente all'atmosfera opprimente), il film evita gli effetti troppo facili o le scene troppo cruente (anche per non urtare la sensibilità del pubblico di allora), ma riesce a descrivere i pericoli e le tentazioni della scienza e contemporaneamente a fare della creatura una «rappresentazione simbolica e metafisica dell'uomo, tormentato e diviso tra la riconoscenza e l'odio per un creatore che l'ha fatto così imperfetto» [Lourcelles]. (''[[Il Mereghetti]]'')
 
===Frasi promozionali===
14 387

contributi