Differenze tra le versioni di "Luigi Tansillo"

sistemo
(Ch'i' cadrò morto a terra, ben m'accorgo...)
(sistemo)
==''Al Signor Viceré di Napoli''==
===[[Incipit]]===
*''Chi lascia il sentier vecchio, e il novo piglia,<br | />''(Dice il proverbio) se talor ritrova<br | />''Quel ch'ei non cerca non è maraviglia.<br | />''L'altrier vols'io, Signor, far cosa nova,<br | />''E l'usanza cangiar degli anni a dietro,<br | />''E questa novità poco mi giova.<br | />''Chiedeavi io grazia, ed otteneala in metro;<br | />''Or che v'ho scritto in prosa, io pur aspetto,<br | />''E quel che chiesi ancora non impetro''.
 
===Citazioni===
*''Non è vostro, ma mio, credo, il difetto; | Cheche quando in prosa la mercé chiedea, | Nonnon seppi esprimer bene il mio concetto. | S'io non seppi narrar quel ch'io volea, | Aa cui toccava il fatto, in che manera | voi né altri intender mi potea?'' (p. VIII)
*''Forse son io, sì come [[Ovidio]] era, | Cheche non sapea parlar, se non in verso; | Sese ben parlava da mattina a sera. | Io rifiuto la prosa, e torno al verso, | Tornotorno a lo stil la penna, onde era tolta: | Poipoi che noce la prosa, e giova il verso.''. (p. VIII)
*''S'io fossi un [[uomo]] ambizioso, avaro, | Ingordoingordo del [[Ricchezza|denaro]], e degli inchini, | Cheche vi stesser le genti, avrei a caro. | Perché con questo impaccio, i cittadini | Avrianavrian di me bisogno: onde a mia voglia | Nene caverei talor fasto, e quadrini''. (p. IX)
*''Mio Padre a [[Nola]], io a [[Venosa]] nacqui, | Ll'una origin mi diè, l'altra la cuna, | Ee che ne' versi miei talor non tacqui. | È nobil patria l'una e l'altra; e l'una | Ee l'altra un tempo fu possente e grande; | Mama così regge il mondo la Fortuna''. (p. XI-XII)
*''Io ebbi ardir raccomandarvi [[Nola]], | Cheche stava allor, come in catene servo: | Eded ebbe alcun vigor la mia parola''. (p. XII)
 
==''Le lagrime di s. Pietro''==