Differenze tra le versioni di "Utente:Almicione/Pagina delle prove3"

nessun oggetto della modifica
| ''[[Viva l'Italia]]''
| [[RCA Italiana]]
|'''X'''
|
|
|-
| ''[[Titanic (album Francesco De Gregori)|Titanic]]''
| [[RCA Italiana]]
|'''X'''
|
|
|-
*''Ma, mamma, a me mi rubano la vita | quando mi mettono a faticare | per pochi dollari nelle caldaie | sotto al livello del mare.'' (da ''L'abbigliamento di un fuochista'', n.º 4)
*''Ma, mamma, io – per dirti il vero – l'italiano | non so cosa sia | e pure se attraverso il mondo | non conosco la geografia.'' (da ''L'abbigliamento di un fuochista'', n.º 4)
*''La prima classe costa mille lire, la seconda cento, la terza dolore e spavento | e puzza di sudore dal boccaporto e odore di mare morto.'' (da ''Titanic'', n.º 5)
*'''' (da ''Titanic'', n.º 5)
*''E con l'orchestra che ci accompagna con questi nuovi ritmi americani | saluteremo la Gran Bretagna col bicchiere fra le mani. | E con il ghiaccio dentro al bicchiere faremo un brindisi tintinnante | a questo viaggio davvero mondiale e a questa luna gigante.'' (da ''Titanic'', n.º 5)
 
*''[...] per noi ragazzi di terza classe che per non morire si va in America.'' (da ''Titanic'', n.º 5)
 
*''[...] per noi ragazze di prima classe che per sposarci si va in America.'' (da ''Titanic'', n.º 5)
 
*''Il capitano non tiene mai paura. Dritto sul cassero fuma la pipa | in questa alba fresca e scura che rassomiglia un po' alla vita.'' (da ''I muscoli del capitano'', n.º 6)
 
*''La nave è fulmine, torpedine, miccia, scintillante bellezza, fosforo e fantasia; | molecole d'acciaio, pistone, rabbia, guerra lampo e poesia. | In questa notte elettrica e veloce, in questa croce di Novecento | il futuro è una palla di cannone accesa e noi lo stiamo quasi raggiungendo.'' (da ''I muscoli del capitano'', n.º 6)
*''E il capitano dice al mozzo di bordo: "Signor mozzo, io non vedo niente: | c'è solo un po' di nebbia che annuncia il sole. Andiamo avanti tranquillamente.'' (da ''I muscoli del capitano'', n.º 6)
*''Centocinquanta stelle in fila indiana | in questa notte umida che sa di maggiorana, | in questa notte splendida che sa di malva.'' (da ''Centocinquanta stelle'', n.º 7)
*''Centocinquanta stelle od una stella sola | in questa notte ipocrita che sa di Coca-Cola, | una notte così amichevole da dormire in un sacco a pelo.'' (da ''Centocinquanta stelle'', n.º 7)
*''Cadevano le bombe come neve | il 19 luglio a San Lorenzo. | Sconquassato il Verano: dopo il bombardamento | tornano a galla i morti e sono più di cento.'' (da ''San Lorenzo'', n.º 9)
*''Cadevano le bombe a San Lorenzo | e un uomo stava a guardare la sua mano: | viste dal Vaticano sembravano scintille. | L'uomo raccoglie la sua mano e i morti sono mille.'' (da ''San Lorenzo'', n.º 9)
*''E un giorno, credi, questa guerra finirà, | ritornerà la pace ed il burro abbonderà; | e andremo a pranzo la domenica fuori porta, a Cinecittà. | Oggi pietà l'è morta, ma un bel giorno rinascerà | e poi qualcuno farà qualcosa, magari si sposerà.'' (da ''San Lorenzo'', n.º 9)
*''E il Papa la mattina da San Pietro | uscì tutto da solo fra la gente | e in mezzo a San Lorenzo spalancò le ali: | sembrava proprio un angelo con gli occhiali.'' (da ''San Lorenzo'', n.º 9)
 
===''La donna cannone''===
'''Etichetta''': RCA Italiana, 1983.
*'''' (da ''TitanicCapo d'Africa'', n.º 51)
 
 
2 792

contributi