Differenze tra le versioni di "Totalitarismo"

+1, sistemo
(+1, sistemo)
*Il totalitarismo è l'unico sistema politico che può davvero assecondare i fini del dio celeste. Qualsiasi movimento di natura liberale mette in pericolo la sua autorità e quella dei suoi delegati sulla terra. Un solo Dio, un solo Re, un solo Papa, un solo padrone in fabbrica, un padre-padrone in casa. ([[Gore Vidal]])
*Le pericolose tentazioni dei regimi illiberali diventano concrete solo quando i movimenti che le rappresentano sono in grado di proporsi credibilmente come le forze a cui appartiene il futuro. ([[Ralf Dahrendorf]])
*Oggi, dopo le tristi esperienze subite, noi tutti sappiamo che la società contemporanea rimane sempre esposta al ''virus totalitario''. ([[Sandro Pertini]])
*Uno dei pericoli del totalitarismo è proprio la sua capacità di indottrinare il [[popolo]] perché pensi come un sol [[uomo]]. ([[Federico Rampini]])
 
===[[Massimo Corsale]]===
*È ben noto che il termine ''totalitarismo'' è stato coniato e usato per la prima volta in [[Italia]], con riferimento al [[fascismo]]: si capisce quindi come la connotazione con cui l'usava [[Giovanni Amendola]] nel 1923 non potesse essere che negativa. Ma successivamente il [[fascismo]] non solo non si sottrasse a quella definizione, ma addirittura fece suo il termine dandogli una connotazione decisamente positiva.
*Il totalitarismo è la forma di negazione delle libertà politiche tipica dell'epoca della [[società di massa]].
*Il totalitarismo è una forma di regime politico autoritario e anti-liberale tipico del nostro secolo in quanto esso ha una stretta connessione con fenomeni come la massificazione, la mobilitazione sociale (nel senso di [[Gino Germani|Germani]]) con conseguente ritiro del consenso passivo (nel senso di [[Pierre Bourdieu|Bourdieu]]) a livello di massa, e con la concezione demiurga della politica.
 
== Altri progetti==
 
{{interprogetto|wikt}}
== Altri progetti==
{{interprogetto|etichetta=totalitarismo|wikt=totalitarismo|w}}
 
 
[[Categoria:Potere]]