Dino Basili: differenze tra le versioni

m
+wikilink
(sistemo)
m (+wikilink)
 
==''L'amore è tutto''==
*La [[dedizione]] spontanea e integrale non si chiama [[fedeltà]]. È semplice [[amore]]. (pagp. 16)
*[[Amore]] e Psiche. La fanciulla modellata da [[Antonio Canova]] è in abbandono completo, dolcissimo, mentre il riccioluto cupido quasi si limita a sostenerla, senza tracce evidenti di [[passione]]. Amore è di marmo, Psiche no. (pag. 57)
*A volte, l'[[indifferenza]] è un rinnovato segno d'[[interesse]]. (pagp. 32)
*Quanto era grande il primo [[amore]]? Smisurato, indicibile. Come certi boschi della [[memoria]], estesi e verdissimi, che invece erano formati da una dozzina di alberi, neppure tanto folti. (pagp. 34)
*La [[dedizione]] spontanea e integrale non si chiama [[fedeltà]]. È semplice [[amore]]. (pag. 16)
*[[Amore]] e Psiche. La fanciulla modellata da [[Antonio Canova]] è in abbandono completo, dolcissimo, mentre il riccioluto cupido quasi si limita a sostenerla, senza tracce evidenti di [[passione]]. Amore è di marmo, Psiche no. (pagp. 57)
*L'ultimo tentativo, se è vero amore, è sempre il penultimo. (pag. 81)
*Nella [[gelosia]] convivono, malati, [[orgoglio]] e autodileggio. Il [[timore]] di perdere la faccia è cosa diversa dalla gelosia. (pagp. 74)
*L'ultimo tentativo, se è vero amore, è sempre il penultimo. (pagp. 81)
*Quanto era grande il primo [[amore]]? Smisurato, indicibile. Come certi boschi della [[memoria]], estesi e verdissimi, che invece erano formati da una dozzina di alberi, neppure tanto folti. (pag. 34)
 
==''Tagliar corto''==
*I giornali si dividono essenzialmente in due gruppi: quelli di partito e quelli di parte.
*Il [[disastro]], al microscopio, risulta formato da una catena di errori apparentemente senza conseguenze.
*Il [[prepotenza|prepotente]] meno sopportabile è quello che pretende anche l'applauso.
*Il [[sordità|sordo]] peggiore di quello che non vuol sentire è quello che non ti fa neppure aprire bocca perché è convinto di sapere già tutto.
*Il [[viaggio]] perfetto è circolare. La gioia della partenza, la gioia del ritorno.