Differenze tra le versioni di "Genitore"

46 byte rimossi ,  4 anni fa
sistemo
(+1)
(sistemo)
*Credo che un genitore debba cercare di proporre al figlio la parte migliore di sé: non solo, ma debba cercare di viverla, perché non si può offrire soltanto un modello, ma anche un esempio. ([[Piero Angela]])
*Datemi genitori migliori e vi darò un mondo migliore. ([[Aldous Huxley]])
*Debbo dirle francamente che non approvo che i genitori esercitino la loro influenza sui figli in merito a decisioni determinanti per l'assetto delle loro vite. Quei problemi ognuno deve risolverseli per conto proprio. Comunque se vuole prendere una decisione che non è condivisa dai suoi genitori deve porsi questa domanda. Sono io, nel mio profondo, abbastanza indipendente da essere in grado di agire in contrasto con i desideri dei miei genitori? ([[Albert Einstein]])
*Essere genitori è durissimo, ogni giorno hai un'occasione per fare qualcosa di sbagliato. Ma non si tratta di essere cattivi. Sono errori che nascono dall'amore. ([[Jennifer Garner]])
*I genitori, avendo il dovere e il diritto primario e irrinunciabile di educare i figli, debbono godere di una reale libertà nella scelta della scuola. Perciò i pubblici poteri, a cui incombe la tutela e la difesa della [[libertà]] dei cittadini, nel rispetto della giustizia distributiva, debbono preoccuparsi che le sovvenzioni pubbliche siano erogate in maniera che i genitori possano scegliere le scuole per i propri figli in piena libertà, secondo la loro coscienza. ([[Papa Paolo VI]])
*Il destino del genitore è quello: dire le cose e poi aspettare e soffrire finché lui farà quello che ritiene giusto. Tu ci devi essere quando lui ha bisogno, ci devi essere e basta. La vita è sua e deve viverla come vuole. ([[Vasco Rossi]])
*{{NDR|[[Pitagora]]}} incitava a prendere in seria considerazione gli anziani [...] per indurre [i suoi uditori] a stimare i propri genitori più che se stessi; egli diceva loro che dovevano avere verso i propri genitori la stessa gratitudine che dovrebbe avere chi sta per morire ad uno che potrebbe riportarlo in vita. E poi diceva che è giusto, più di tutti, amare e mai recare dolore a coloro che per primi e al più alto livello ci hanno fatto del bene: solo i genitori [infatti] ci sono benefici prima che nasciamo, e di tutto ciò che di buono riescono a fare i discendenti sono causa i progenitori: non commettiamo alcun peccato verso gli dèi se dimostriamo che i progenitori sono, più di ogni altro, i nostri benefattori. ([[Giamblico]])
*DebboLe dirledirò francamente che non approvo che i genitori esercitinoche lainfluenzano loro influenza suii figli in merito anelle decisioni determinanti per l'assetto dellela loro vite.vita Queifutura: sono problemi che ognuno deve risolverselirisolvere perda conto propriosolo. ComunqueTuttavia se vuole prendere una decisione chealla nonquale èi condivisasuoi daisi suoi genitorioppongono, deve porsi questa domanda.: Sono iosono, nel mioin profondofondo, abbastanza indipendente daper essereagire incontro gradola divolontà agiredei inmiei contrastogenitori consenza iperdere desideriil deimio mieiequilibrio genitoriinteriore? ([[Albert Einstein]])
*Niente ispira più vergogna che essere un genitore. I bambini ci mettono di fronte ai nostri paradossi e alle nostre ipocrisie, e siamo nudi. Dobbiamo trovare una risposta a ogni perché – ''Perché facciamo così? Perché non facciamo cosà?'' – e spesso non ne abbiamo una buona. Allora diciamo soltanto: ''perché sì''. O raccontiamo una storia che sappiamo non essere vera. E che la tua faccia avvampi o meno, ti vergogni. La vergogna di essere genitore – una vergogna buona – è che vogliamo che i nostri figli siano più integri di come siamo noi, che abbiano risposte soddisfacenti. ([[Jonathan Safran Foer]])
*Onora tuo padre e tua madre, perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che ti dà il Signore, tuo Dio. (''[[Libro dell'Esodo]]'')