Differenze tra le versioni di "Denis Diderot"

m
sistemo
m (sistemo)
*Nessun uomo ha avuto dalla natura il diritto di comandare sugli altri. La libertà è un dono del cielo e ogni individuo della stessa specie ha il diritto di fruirne non appena è dotato di ragione. [...] Il potere acquistato con la violenza è mera usurpazione e dura solo finché la forza di chi comanda prevale su quella di coloro che obbediscono; sicché, se questi ultimi diventano a loro volta i più forti e si scrollano di dosso il giogo, lo fanno con altrettanto diritto e giustizia di chi l'aveva loro imposto. La stessa legge che ha fondato l'autorità la distrugge; è la legge del più forte.<ref>Da ''Il pensiero politico dell'illuminismo'', a cura di E. Tortarolo.</ref>
*Non esiste in natura un atomo che sia rigorosamente simile ad un altro. E tutto in natura è connesso, senza che sia possibile un vuoto nella catena. Che cosa sono dunque gli [[individuo|individui]]? Essi non esistono affatto. C'è un solo grande individuo, ed è il tutto. […] Dall'elefante alla pulce, e dalla pulce alla molecola sensibile e vivente, che costituisce l'origine di ogni cosa, non c'è un punto in tutta la natura che non soffra o non goda.<ref>Da ''Sogno di d'Alembert''; citato in Ditadi 1994, pp. 716-717.</ref>
*Quando si [[credere|crede]] troppo, si rischia tanto quanto si crede troppo poco.<ref>Citato in [[Karlheinz Deschner]], ''Sopra di noi... niente'', Ariele, 2008.</ref>
*Quasi sempre ciò che nuoce alla bellezza morale raddoppia la bellezza poetica. Con la virtù si fanno soltanto quadri tranquilli e freddi; sono la passione e il vizio quelli che animano le composizioni del pittore, del poeta, del musicista.<ref>Da ''Lettera a Sophie Volland''.</ref>
*Quando si [[credere|crede]] troppo, si rischia tanto quanto si crede troppo poco.<ref>Citato in [[Karlheinz Deschner]], ''Sopra di noi... niente'', Ariele, 2008.</ref>
*Quando si scrive delle [[donna|donne]], bisogna intingere la penna nell'arcobaleno e asciugare la pagina con la polvere delle ali delle farfalle.
:''Quand on écrit des femmes, il faut tremper sa plume dans l'arc-en-ciel et jeter sur sa ligne la poussière des ailes du papillon.''<ref>{{fr}} Da ''[[s:fr:Sur_les_femmes|Sur les femmes]]'' (1772) in ''Œuvres complètes'', ed. Assézat, volume II, [[s:fr:Page:Diderot - Œuvres complètes, éd. Assézat, II.djvu/270|p. 270]].</ref>
*Se la ragione ci è stata donata dal Cielo, proprio come la fede, allora il Cielo ci ha offerto due doni incompatibili e contraddittorî.<ref>Dall'''Aggiunta ai Pensieri filosofici'', 1762.</ref>
*Se un misantropo si fosse proposto di fare l'infelicità del genere umano, che avrebbe potuto inventare di meglio che la credenza in un essere incomprensibile, sul quale gli uomini non avrebbero potuto mai mettersi d'accordo e al quale avrebbero attribuito maggior importanza che alla loro stessa vita?<ref>Da ''L'uomo e la morale'', a cura di V. Barba, Edizioni Studio Tesi, 1991, p. [http://books.google.it/books?id=yKAp3P-b9fsC&dq=se+un+misantropo+infelicit%C3%A0+diderot&q=misantropo#v=onepage&q=&f=false 88].</ref>
*Un'[[ipotesi]] non è un [[fatto]].<ref>Da ''Dell'interpretazione della natura''.</ref>
*[...] valorosi americani, che hanno preferito vedere oltraggiare le loro donne, trucidare i loro figli, distruggere le loro case, devastare i loro campi, incendiare le loro città, e che hanno preferito versare il loro sangue e morire, piuttosto di perdere la minima parte della loro libertà.<ref>Da ''Saggio sui regni di Claudio e di Nerone e sui costumi e gli scritti di Sene­ca'' (1782), traduzione di Secondo Carpanetto, Luciano Guerci, Sellerio, Palermo, 1987, lib. II, 5 74, pp. 327-28; citato in Domenico Losurdo, ''Controstoria del liberalismo'', Laterza, 2005, p. 133.</ref>
*Quando si scrive delle donne, bisogna intingere la penna nell'arcobaleno e asciugare la pagina con la polvere delle ali delle farfalle. <ref>Da ''Sur les femmes'' (1772), pubblicato nelle ''Correspondance littéraire, philosophique et critique'' [[https://fr.wikisource.org/wiki/Sur_les_femmes|Leggere on line (in francese)]]</ref>.
:''Quand on écrit des femmes, il faut tremper sa plume dans l’arc-en-ciel et jeter sur sa ligne la poussière des ailes du papillon.''
 
==''Pensieri filosofici''==