Differenze tra le versioni di "Lettura"

431 byte aggiunti ,  6 anni fa
+1
(Annullata la modifica 711773 di Bepivenezian (discussione) senza fonte)
(+1)
*L'arte di non leggere è molto importante. Essa consiste nel non prendere in mano quello che di volta in volta il vasto pubblico sta leggendo, come per esempio libelli politici e letterari, romanzi, poesie e simili cose, che fanno chiasso appunto in quel dato momento e raggiungono perfino parecchie edizioni nel loro primo e ultimo anno di vita. Pretendere che un individuo ritenga tutto quanto ha letto è come esigere che porti ancora dentro di sé tutto quanto ha mangiato. ([[Arthur Schopenhauer]])
*L'uomo che sa leggere parla cogli assenti, e si mantiene in vita gli estinti. Egli è in comunicazione con l'universo – non conosce la noia – viaggia – s'illude. Ma chi legge e non sa scrivere è un muto. ([[Carlo Dossi]])
*La cameriera mi si avvicina: "Ehi, perché leggi?". Non è la domanda più strana di sempre? Non cosa leggo ma perché leggo? Merda, mi hai confuso. Perché leggo? Uhm... Beh, non so, credo che leggo per varie ragioni e la principale è che così non finisco per essere una fottuta cameriera in una Waffle House! Se siete mai stati in una Waffle House, avete notato che i menù hanno su le foto dei cibi, ecco... ([[Bill Hicks]])
*La gente dice che ciò che conta è vivere, ma io preferisco leggere. ([[Logan Pearsall Smith]])
*La lettura, infatti, è al servizio dell'intenzione. ([[Guglielmo di Saint-Thierry]])