Differenze tra le versioni di "Eduardo Galeano"

m
sistemo
(+2, sistemo)
m (sistemo)
 
==Citazioni di Eduardo Galeano==
*Come tutti gli uruguagi, avrei voluto essere un calciatore. Giocavo benissimo, ero un fenomeno, ma soltanto di notte, mentre dormivo; durante il giorno ero il peggior scarpone che sia comparso nei campetti del mio paese.<ref name=calcio/>
*Dopo quattro anni [come fattorino in [[banca]]] capii che non faceva per me. Lì appresi che i principali rapinatori di banche sono i banchieri stessi ma nessun allarme suona mai per loro.<ref name=Triulzi/>
*Il colombiano [[Carlos Valderrama]] ha i piedi storti, e la stortura gli serve per nascondere meglio il pallone.<ref>Da ''[http://books.google.it/books?id=YHGjN5EzMugC&pg=PA185&dq=carlos+valderrama+galeano&hl=it&ei=x-veS4OjCZKc_Aac6MCSBw&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=2&ved=0CDsQ6AEwAQ#v=onepage&q&f=false El fútbol a sol y sombra]'', Siglo ventiuno editores, Madrid, 2000, 4a ed., p. 185. ISBN 968-23-1971-4</ref>
 
==''Splendori e miserie del gioco del calcio''==
*Come tutti gli uruguagi, avrei voluto essere un calciatore. Giocavo benissimo, ero un fenomeno, ma soltanto di notte, mentre dormivo; durante il giorno ero il peggior scarpone che sia comparso nei campetti del mio paese.<ref name=calcio/>(''Confessione dell'autore'')
*Ma [[Juan Alberto Schiaffino|''Pepe'' (Beppe) Schiaffino]] coi suoi passaggi magistrali orchestrava il gioco di squadra come se stesse osservando il campo dal punto più alto della torre dello stadio, ed [[Julio Abbadie|''El Pardo''(il Bruno) Abbadie]] faceva scorrere la palla sulla linea bianca laterale e si lanciava con gli stivali delle sette leghe distendendosi senza sfiorare il pallone né toccare i propri avversari: e io non avevo altro rimedio che ammirarli, avevo addirittura voglia di applaudirli. (''Confessione dell'autore'')
*E quando il buon [[calcio]] si manifesta, rendo grazie per il miracolo e non mi importa un fico secco di quale sia il club o il paese che me lo offre. (''Confessione dell'autore'')