Differenze tra le versioni di "Virtù"

32 byte aggiunti ,  5 anni fa
come nella voce dell'autore
m (fix Dante)
(come nella voce dell'autore)
 
*''Ahi nome vano, Virtù, | ludibrio de' [[Malvagità|malvagi]]!'' ([[Vincenzo Monti]])
*Ciò che misura la virtù di un uomo non sono gli sforzi, ma la normalità. ([[Blaise Pascal]])
*Con la virtù per guida, la [[fortuna]] per compagna. ([[Cicerone]])
*Dal [[dubbio]] su Dio, arrivai al dubbio sulla virtù, fragile idea che ogni secolo ha fondato come ha potuto sull'impalcatura delle leggi, idea ancor più vacillante. ([[Gustave Flaubert]])
*Quando la virtù ha dormito, si alza più fresca. ([[Friedrich Nietzsche]])
*Que' prudenti che s'adombrano delle virtù come de' vizi, predicano sempre che la [[perfezione]] sta nel mezzo; e il mezzo lo fissan giusto in quel punto dov'essi sono arrivati, e ci stanno comodi. ([[Alessandro Manzoni]])
*CiòQuel che misurapuò la virtù di un uomo non sonosi glideve misurare dai suoi sforzi, ma ladal suo comportamento normalitàordinario. ([[Blaise Pascal]])
*Se la virtù è la ricerca della conoscenza, e se è la conoscenza a offrirci autonomia (soprattutto indipendenza dalle passioni) e consolazione dinanzi agli alti e bassi della sorte, allora i benefici della virtù sono di questa vita. La virtù non è un fardello, ma una benedizione: la virtù è – come dice [[Baruch Spinoza|Spinoza]] – «la beatitudine stessa». ([[Steven Nadler]])
*Se vuoi assaporare la virtù, pecca qualche volta. ([[Ugo Ojetti]])