Differenze tra le versioni di "Orsola Nemi"

510 byte aggiunti ,  6 anni fa
nessun oggetto della modifica
m
*{{NDR|Su [[Vincenzo Cardarelli]]}} Da Babington, a piazza di Spagna, fra le undici e mezzogiorno [...] molti giovani venivano a trovarlo. Non si può nemmeno dire per quanto mi ricordi, che parlavano a lui; parlavano piuttosto fra loro, in presenza di lui, che ogni tanto interveniva con una parola risentita e pungente. Ma non era di malumore. L’ascoltavo rispettosamente, senza mai osare di rivolgergli direttamente la parola se non per salutarlo quando arrivavo e quando andavo via. Non soltanto sapevo, ma sentivo di trovarmi vicino a un poeta, e questo era tanto. La sua ritrosia, la sua povertà, la sua feroce schiettezza coincidevano perfettamente con l’idea che mi facevo del poeta italiano.<ref>Da ''Vincenzo Cardarelli'', ''Il Borghese'', 25 giugno 1959.</ref>
*Poter ancora essere “intontiti” da [[Vincenzo Cardarelli|Cardarelli]] sarebbe una rara e impossibile felicità. Quelli che ci intontiscono oggi, sono peggio dei cani. Latrati, che crediamo canti gregoriani.<ref>Da ''Ricordo di Cardarelli'', ''Il Borghese'', 2 maggio 1960.</ref>
 
==Citazioni su Orsola Nemi==
*Oggi, tra gli urli e i battimani della plebe montata in cattedra letteraria, Il sarto stregato rischia di passare inosservato. Alle scimmie non piace il the inglese. [...] La satira della Nemi, a tirarla per il verso buono, può tendersi ancora, può arrivare a colpire altri personaggi dell’odierna recita culturale: e sono quelli che conosciamo tutti, che scrivono sui grossi giornali, dirigono l’orchestra cacofonica della cultura impegnata, e ci amareggiano ogni giorno.
 
==Note==
1 534

contributi