Differenze tra le versioni di "Paul Henri Thiry d'Holbach"

m
+wikilink
m (Bot: migrazione automatica di 10 collegamenti interwiki a Wikidata: d:Q7104)
m (+wikilink)
*In verità, adorare [[Dio]] significa adorare le finzioni del proprio cervello, o, meglio ancora, non adorare nulla.
*L'animale non è impressionato dagli stessi oggetti che fanno colpo sull'uomo. Non ha né gli stessi bisogni, né gli stessi desideri, né le stesse fantasie. Giunge molto rapidamente alla maturità, mentre nulla accade più raramente che vedere lo spirito umano godere completamente delle sue facoltà, esercitarle liberamente, farne un uso conveniente per la propria felicità.<ref name=D1>Citato in Ditadi 1994, p. 745.</ref>
*L'idea di un Dio terribile, raffigurato come un despota, ha dovuto rendere inevitabilmente [[malvagità|malvagi]] i suoi sudditi. La paura non crea che schiavi [...] che credono che tutto divenga lecito quando si tratta o di guadagnarsi la benevolenza del loro Signore, o di sottrarsi ai suoi temuti castighi. La nozione di un Dio-tiranno non può produrre che schiavi meschini, infelici, rissosi, intolleranti.
*L'[[intelligenza]] dell'uomo non dimostra l'intelligenza di Dio più di quanto la malvagità dell'uomo non dimostri la malvagità di quel Dio, di cui si pretende che l'uomo sia una creatura. Da qualsiasi lato la teologia affronti la questione, Dio sarà sempre una causa contraddetta dai suoi effetti.
*La [[devozione]] è una malattia dell'immaginazione, contratta fin dall'infanzia; il devoto è un ipocondriaco che, a forza di medicine, non fa che aggravare il suo male.
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w|commons=Category:Baron d'Holbach}}
 
{{DEFAULTSORT:Holbach, Paul-Henri}}