Differenze tra le versioni di "Anthony de Mello"

nessun oggetto della modifica
*Ammettere di essere un asino è la cosa più liberatoria e magnifica del mondo. È splendido. Quando la gente mi dice: «Hai torto» io rispondo: «Cosa ti aspettavi da un asino?».
*Quante persone conoscete che rimangono indifferenti alle lodi o alle critiche? Non è umano, diciamo noi. Umano significa che bisogna essere un po' scimmie, in modo che tutti vi possano tirare la coda, e voi facciate tutto ciò che ''dovreste'' fare. [...] Se trovate che io abbia fascino, significa che in questo momento siete di buon umore, e niente più. Significa anche che sono adatto alla vostra lista della spesa. Tutti noi ci portiamo in giro una lista della spesa, e in un certo senso le persone devono essere a misura di questa lista [...].
*Siamo meccanizzati, controllati. Scriviamo dei libri su come essere controllati e su com'è meraviglioso essere controllati e su come è indispensabile che la gente vi dica che siete ok. Solo allora vi sentite bene. Che meraviglia stare in prigione [...]. lasciate che vi dica una cosa: se consentite a voi stessi di sentirvi bene quando la gente vi dice che siete ok, vi state preparando a sentirvi male quando la gente vi dirà che non siete in gamba. Finché si vive per soddisfare le aspettative di altri, bisogna stare attenti a come ci si veste, a come ci si pettina, al fatto che le scarpe siano sempre lucide [...]. E lo chiamate umano? [...] Gesù Cristo doveva essere piuttosto «non ok», secondo gli standard del tempo. Voi non siete ok e non siete non ok, siete voi e basta.
*La [[vita]] è un banchetto, e la tragedia è che la maggior parte della gente sta morendo di fame.
*La cosa più difficile del mondo è ascoltare, vedere. Noi non vogliamo vedere. [...] Non vogliamo guardare, perchè se lo facciamo potremmo cambiare. [...] Se si guarda, si perde il controllo di quella vita che riusciamo a tenere insieme in modo tanto precario. E dunque, per potervi svegliare, la cosa [...] di cui avete più bisogno in assoluto è la disponibilità a imparare qualcosa di nuovo.
Utente anonimo