Differenze tra le versioni di "Marco Porcio Catone"

m
+wikilink
m (+wikilink)
 
==[[Incipit]] di ''De agri cultura''==
È possibile che talvolta sia più conveniente procacciarsi un profitto con il commercio, se non fosse tanto rischioso, e così pure prestare denaro a [[usura]], se fosse altrettanto onorevole. I nostri antenati così pensavano e così stabilirono nelle loro leggi: che il ladro fosse condannato al doppio, l'usuraio al quadruplo. Quanto peggior cittadino valutassero l'usuraio del ladro lo si può di qui stimare. E quando lodavano un uomo dabbene, così lo lodavano: buon contadino e buon agricoltore. Chi era così lodato, si stimava che lo fosse nel modo più ampio. Quanto al mercante, lo stimo uomo intraprendente e smanioso di procacciarsi un profitto, ma, come ho detto prima, esposto a rischi e calamità. Fra i contadini invece si formano uomini di fortissima tempra e soldati valorosissimi; e dall'agricoltura consegue il profitto più onesto, più stabile, meno sospetto: chi è occupato in quell'attività non nutre pensieri malevoli.
 
==Citazioni su Marco Porcio Catone==
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w|commons=Category:Cato Major|s=Autore:Marco Porcio Catone|s_lingua=italiana|s2=la:Scriptor:Marcus Porcius Cato|s2_lingua=latina}}
 
[[Categoria{{DEFAULTSORT:Politici romani|Catone, Marco Porcio]]}}
[[Categoria:ScrittoriPolitici romani|Catone, Marco Porcio]]
[[Categoria:Scrittori romani]]