Differenze tra le versioni di "Addomesticamento"

+3
(Creata pagina con "{{voce tematica}} thumb|upright=1.2|Dipinto di Carl Reichert Citazioni sull''''addomesticamento'''. *Il lupo, docile e sottomesso, riusciva simpati...")
 
(+3)
Citazioni sull''''addomesticamento'''.
 
*Gli animali domestici sono costretti a dipendere da noi. Perciò ci perdonano il nostro egoismo. Timidamente ci mostrano una purezza d'animo che noi umani abbiamo perduto. ([[Jirō Taniguchi]])
*Il lupo, docile e sottomesso, riusciva simpatico alla folla. Assistere ad uno spettacolo di addomesticamento è sempre una cosa piacevole, e il vederne sfilare dinanzi tutte le varietà è la nostra suprema gioia. Per questo vi è sempre tanta gente sul passaggio dei cortei reali. ([[Victor Hugo]])
*Nessuna bestia allo stato di natura sente come una mancanza il fatto di non parlare o di non poter comprendere il linguaggio umano. Le cose stanno in modo del tutto diverso per le bestie che sono state addomesticate dall'uomo, il cane ed il cavallo hanno fatto talmente l'orecchio al linguaggio articolato da poter comprendere facilmente qualsiasi lingua, nei limiti delle idee ad essi accessibili. Hanno inoltre acquistato la capacità di provare dei sentimenti, che prima erano ad essi estranei: come l'attaccamento all'uomo, la riconoscenza ecc. Chi ha avuto consuetudine con queste bestie non si sottrae facilmente all'idea che ci siano parecchi casi nei quali esse, ''adesso'', sentono come una mancanza la loro incapacità di parlare ([[Friedrich Engels]])
*Puoi addomesticare i cani col cibo, gli uomini con il denaro, ma i lupi non li addomestica nessuno! (''[[Wolf's Rain]]'')
*Sono da lodare tanto le anime degli animali selvaggi quanto quelle degli animali domestici. ([[Zarathustra]])
*Tutti gli animali domestici sono dei veri e propri schiavi, solo il [[cane]] è un amico. Certo, un amico devoto, sottomesso. ([[Konrad Lorenz]])
*Tutti gli animali, noi soli esclusi e quelli che abbiamo addomesticato per dividere con loro le nostre miserie, gioiscono di tutti i piaceri di cui sono capaci per loro natura; non conoscono il lavoro, la guerra, la malattia. ([[Jean-Baptiste-René Robinet]])