Differenze tra le versioni di "Antoine de Saint-Exupéry"

finito di sistemare
(continuo a sistemare)
(finito di sistemare)
*Disegnami una pecora... (Piccolo principe: capitolo II, p. 11)
*Agli adulti piacciono i [[numero|numeri]]. Quando raccontate loro di un nuovo amico, non vi chiedono mai le cose importanti. Non vi dicono: «Com'è il suono della sua voce? Quali sono i suoi giochi preferiti? Fa collezione di farfalle?» Le loro domande sono: «Quanti anni ha? Quanti fratelli? Quanto pesa? Quanto guadagna suo padre?» Solo allora pensano di conoscerlo. (capitolo IV, p. 23)
[[Immagine:Kleiner Prinz - FuchsRose 1.jpg|thumb|upright=1.4|IlLa rosa del piccolo principe e la volpe]]
*Se dite agli adulti: «Ho visto una bella casa di mattoni rosa, con gerani alle finestre e colombi sul tetto...», loro non riescono a immaginarsi la casa. Dovete dire: «Ho visto una casa di centomila franchi». Allora esclamano subito: «Oh, che bella!» (capitolo IV, p. 23)
*Al mattino, finita la toilette, bisogna occuparsi della toilette del pianeta. (Piccolo principe: capitolo V, p. 28)
*«Ti [[ammirazione|ammiro]]» disse il piccolo principe, alzando un po' le spalle. «Ma che cosa te ne viene?» (capitolo XI, p. 58)
*«Io» disse ancora «possiedo una rosa che innaffio tutti i giorni. Possiedo tre vulcani che pulisco tutte le settimane. Perché pulisco anche quello quello spento. Non si sa mai. Il fatto che io li possieda è utile ai miei vulcani ed è utile alla mia rosa. Invece tu non sei utile alle stelle...» (Piccolo principe: capitolo XIII, p. 66)
*È una bellissima occupazione,. edEd è veramentedavvero utile perché è bella! (Piccolo principe: capitolo XIV, p. 67)
*"La mia rosa è effimera" disse tra sé il piccolo principe "e ha solo quattro spine per difendersi dal mondo! E l'ho lasciata sola là dove sto io!" (capitolo XV, p. 76)
*«Mi domando» disse «se le [[stella|stelle]] brillano perché un giorno ciascuno possa ritrovare la propria.» (Piccolo principe: capitolo XVII, p. 81)
*«Dove sono gli uomini?» riprese poi il piccolo principe. «Si è un po' [[solitudine|soli]] nel deserto...» «Si è soli anche fra gli uomini» disse il serpente. (capitolo XVII, pp. 82-83)
[[Immagine:Kleiner Prinz - Fuchs.jpg|thumb|upright=1.4|Il piccolo principe e la volpe]]
*Ma se mi addomestichi, avremo bisogno l'uno dell'altra. Per me tu sarai unico al mondo. Per te io sarò unica al mondo... (Volpe al piccolo principe: capitolo XXI, pp. 91-92)
*«Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà come inondata di luce. Conoscerò un rumore di passi diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno fuggire sotto terra. Il tuo mi chiamerà fuori dalla tana, come una musica. E poi guarda! Li vedi laggiù, i campi di grano? Io non mangio pane. Quindi per me il grano è inutile. I campi di grano non mi dicono niente. E questo è molto triste! Ma tu hai capelli color dell'oro. E allora sarà bellissimo quando mi avrai addomesticato! Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E mi piacerà il rumore del vento nel grano...» La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe. «Per favore... addomesticami!» disse. (capitolo XXI, p. 93)
*«Allora non ci guadagni niente!» «Ci guadagno», disse la volpe, «a causa del colore del grano». (capitolo XXI, p. 96)
*Ecco il mio segreto. È molto semplice: si vede solo con il [[cuore]]. L'essenziale è invisibile agli [[occhio|occhi]]. (Volpe: capitolo XXI, p. 97)
[[Immagine:Kleiner Prinz - Fuchs.jpg|thumb|upright=1.4|Il piccolo principe e la volpe]]
*Il tempo che hai perso per la tua [[rosa (fiore)|rosa]] è ciò che fa la tua rosa tanto importante. (Volpe: capitolo XXI, p. 98)
*Diventi responsabile per sempre di ciò che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa... (Volpe: capitolo XXI, p. 98)
*Ma gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare con il cuore. (Piccolo principe: capitolo XXV, p. 108)
*Si corre il rischio di piangere un po', quando ci si è lasciati addomesticare... (capitolo XXV, p. 110)
*Se tuami vuoi bene ad ununa fiorerosa che sta insu una stella, èdi dolce,notte laè notte,bello guardare il cielo. Tutte le stelle sono fiorite. (Piccolo principe: capitolo XXVI, p. 115)
*Di notte, ricordati di guardare le [[stella|stelle]]. Dove sto io è troppo perché possa mostrarti dove si trova la mia. Meglio così. La mia stella sarà per te una qualsiasi, e allora ti farà piacere guardarle tutte... Saranno tutte tue amiche. (Piccolo principe: capitolo XXVI, pp. 115-116)
*«Quando la notte guarderai il cielo, poiché io abiterò in una di esse, e riderò in una di esse, per te sarà come se ridessero tutte le stelle. Avrai stelle che sapranno ridere!» E rise ancora. «E quando ti sarai consolato (poiché ci si consola sempre) sarai contento di avermi conosciuto. Sarai sempre mio amico. Avrai voglia di ridere con me. E ogni tanto aprirai la finestra, così, per puro piacere... E i tuoi amici saranno stupiti di vederti ridere guardando il cielo. Allora tu gli dirai: "Sì, le stelle mi fanno sempre ridere!". E penseranno che sei pazzo. Ti avrò fatto un bello scherzetto...» E rise ancora. «Sarà come se, invece delle stelle, ti avessi dato tanti sonagli che sanno ridere...» (Piccolo principe: capitolo XXVI, pp. 116-117)
*TuttoPer cambiavoi che come me amate il piccolo principe, tutto nell'universo cambia se inda qualche luogoparte, non si sa dove, una pecora che non conosciamo ha, mangiato ouna rosa oppure no,... mangiato(capitolo unaXXVII, rosap. 123)
 
===[[Explicit]]===
 
Guardate attentamente questo paesaggio per essere sicuri di riconoscerlo, se un giorno doveste viaggiare in Africa, nel deserto. E se vi capitasse di passare di lì, vi scongiuro, non tirate dritto, fermatevi un poco sotto la stella! Se allora vi viene incontro un bambino, se ride, se ha i capelli d'oro, se non risponde alle domande, voi sapete chi è. Allora siate gentili, non lasciatemi alla mia tristezza: scrivetemi che è tornato...
 
 
*‎E quando si arrossisce, significa si', vero? È una sfumatura d'acquerello sulle guance, un tocco intimo, impudico e pungente che vale una conferma.
 
*Se tu vuoi bene ad un fiore che sta in una stella, è dolce, la notte, guardare il cielo. Tutte le stelle sono fiorite.
 
*Tutto cambia nell'universo se in qualche luogo, non si sa dove, una pecora che non conosciamo ha, sì o no, mangiato una rosa.
 
*È una bellissima occupazione, ed è veramente utile perché è bella.
 
==''Terra degli uomini''==